Widgets Magazine
12:16 14 Ottobre 2019
La Turchia attacca le postazioni dei separatisti curdi nella zona di Afrin

La Germania congela le esportazioni di armi in Turchia per operazione ad Afrin

© AP Photo / Lefteris Pitarakis
Mondo
URL abbreviato
494
Seguici su

Berlino ha interrotto l'esportazione di armi in Turchia, fino alla formazione di un nuovo governo. Lo riferisce lo Spiegel citando il ministro degli Esteri Sigmar Gabriel.

Gabriel ha spiegato che il congelamento delle esportazioni è collegato all'operazione militare turca contro i curdi in Siria. Berlino è infatti "molto preoccupata per il conflitto militare nel nord della Siria… È chiaro al governo che non dobbiamo fornire armi alle regioni in conflitto e non lo faremo", ha affermato il ministro.

La Germania ha anche sospeso i programmi per la modernizzazione dei carri armati Leopard, in dotazione alle forze armate turche. Lo Spiegel osserva che la decisione è stata concordata tra Gabriel e la cancelliera Angela Merkel.

Il 20 gennaio la Turchia ha lanciato l'operazione "ramo d'ulivo" contro i curdi a Afrin, nel Nord della Siria, che Ankara considera terroristi. Damasco ha condannato l'invasione turca, mentre Mosca ha esortato tutte le parti a rispettare l'integrità territoriale della Siria.

Correlati:

Turchia, Erdogan: nostre operazioni in Siria andranno oltre l’offensiva ad Afrin
Telefonata Putin-Erdogan: la situazione in Siria e l'operazione turca ad Afrin
Continua massiccio bombardamento turco contro i curdi ad Afrin
Tags:
congelamento, esportazione, operazione militare, curdi, Armi, Germania, Siria, Turchia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik