01:18 24 Febbraio 2018
Roma+ 9°C
Mosca-12°C
    Il Pentagono, il quartier generale del Dipartimento della difesa statunitense.

    Per gli USA Russia e Cina sono più pericolose del terrorismo

    CC BY-SA 2.0 / La Citta Vita / Pentagon, aerial
    Mondo
    URL abbreviato
    18420

    Secondo la nuova strategia di difesa del Pentagono, la principale priorità di Washington ora è il contrasto di Cina e Russia. Lo riferisce Bloomberg.

    Il terrorismo ha cessato di essere la principale minaccia alla sicurezza degli Stati Uniti. Ora per Washington maggiore priorità spetta al contrasto di Russia e alla Cina.

    Gli obiettivi della Strategia nazionale di difesa del Pentagono sono contrastare Mosca e Pechino, e superarli in termini di capacità militari.

    "La Cina e la Russia stanno attualmente minando l'ordine internazionale dall'interno, distruggendone i suoi principi", afferma il documento.

    Per contrastare questi sforzi, Washington intende impedire alla Russia e alla Cina di usare "la coercizione e l'intimidazione per far avanzare i loro obiettivi e danneggiare gli interessi degli Stati Uniti".

    In precedenza il segretario della Difesa statunitense James Mattis ha detto che ora "al centro della sicurezza nazionale degli Stati Uniti" è "la rivalità delle grandi potenze e non il terrorismo".

    Come notato da Bloomberg, oltre a Russia, Cina e terrorismo, nel documento figurano anche l'Iran e la Corea del Nord tra le principali minacce agli Stati Uniti.

    Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, parlando ai giornalisti alle Nazioni Unite, ha "ridicolizzato" la nuova strategia del dipartimento della difesa degli Stati Uniti.

    Correlati:

    "Russia e Cina possono compromettere leadership USA nell'economia mondiale"
    Financial Times: USA non possono fare pressioni su Pyongyang senza aiuto di Russia e Cina
    Altri soldati Usa in Afghanistan. Contro Russia e Cina?
    Tags:
    Strategia, Difesa, Sicurezza, terrorismo, Pentagono, USA, Cina, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik