13:02 21 Maggio 2018
Roma+ 20°C
Mosca+ 18°C
    La bandiera della Macedonia (foto d'archivio)

    Russia, ministero Esteri teme nuovi sconvolgimenti etnici nei Balcani

    © AP Photo / Boris Grdanoski
    Mondo
    URL abbreviato
    461

    Le dichiarazioni del Primo Ministro albanese Edi Rama e la promozione della "piattaforma di Tirana" lasciano pensare a nuovi sconvolgimenti etnici nei Balcani. Lo afferma una nota ufficiale del ministero degli Esteri russo.

    In precedenza il Primo Ministro dell'Albania, Edi Rama, ha parlato del coinvolgimento del Partito Socialista d'Albania (SPA) nella nascita dell'Esercito di liberazione del Kosovo e nella successiva battaglia per il Kosovo in Serbia. Inoltre il SPA ha dato un contributo decisivo della all'adozione della lingua albanese come seconda lingua ufficiale in Macedonia.

    "Questa retorica conferma l'intenzione di continuare a promuovere… nuovi sconvolgimenti etnici nei Balcani", si legge nella nota.

    Secondo il ministero russo, tutto questo è in linea con l'intenzione albanese di minare l'integrità territoriale di un certo numero di paesi della regione.

    "Attribuendo grande importanza alla questione dell'uso del linguaggio, ritiene essenziale che tali decisioni siano prese sulla base del consenso di tutti i rami del governo e di un ampio consenso nella società", continua la nota.

    L'11 gennaio il Parlamento della Macedonia ha adottato l'albanese come seconda lingua ufficiale. A promuovere l'iniziativa è stato il primo partito albanese in Macedonia

    L'adozione iniziatore della legge ha fatto il partito più influente in Macedonia albanese, l'Unione Democratica per l'Integrazione. In Macedonia il 20% della popolazione parla albanese.

    Il presidente macedone Gjorge Ivanov ha messo in dubbio la costituzionalità della legge avverte che potrebbe mettere in pericolo l'unità dello stato.

    Tale legge è una delle condizioni dell'accordo di cooperazione nella coalizione di governo tra l'SDSM di Zoran Zaeva e i partiti albanesi, denominata "piattaforma Tirana."

    Correlati:

    La Bulgaria vuole portare nella UE gli altri paesi dei Balcani
    La nuova strategia di Washington nei Balcani: non ufficiale, per il momento
    Presidente della Macedonia: l’UE ha lasciato la porta dei Balcani aperta a Russia e Cina
    Tags:
    lingua, tensione, Legge, Il Ministero degli Esteri della Russia, Balcani, Macedonia, Albania, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik