12:02 28 Maggio 2018
Roma+ 26°C
Mosca+ 16°C
    Kosovo

    Il Kosovo è il paradiso della mafia

    © Sputnik . Natalya Grebenyuk
    Mondo
    URL abbreviato
    9114

    All'inizio dell'anno, in Svezia, è commesso un attentato contro la nipote del primo ministro del Kosovo Ramush Haradinaj. I media in lingua albanese hanno presentato questo evento come politicamente motivato, mentre fonti non ufficiali dicono si tratta di scontri tra le bande criminali che governano il Kosovo da decenni.

    La rete albanese responsabile del traffico di droga è apparso negli anni '80 del secolo scorso e si è sviluppata nel decennio successivo, quando ha iniziato a finanziare l'Esercito di Liberazione del Kosovo (ELK).

    La caratteristica della mafia del Kosovo consiste nel rispettare il principio della divisione territoriale e gli interessi di alcune famiglie o clan influenti. Tutti i clan kosovari si basano su legami di sangue, che di per sé limita il numero dei suoi membri, in modo che la partecipazione di singoli o rappresentanti di altre nazionalità straniere in queste comunità criminali è quasi impossibile.

    Bandiera serba
    © Sputnik . Ruslan Krivobok
    La maggior parte dei membri delle bande criminali del Kosovo svolge un ruolo attivo nell'ELK e nelle altre organizzazioni terroristiche, e hanno connessioni affidabili con le forze dell'ordine.

    Il Kosovo è diviso in tre zone d'influenza: Drenica, Dukagjin e Lab.

    Il territorio della zona di Drenica comprende rotte strategiche che collegano il territorio del Montenegro con la Macedonia. La zona è sotto il controllo di un gruppo fedele all'attuale presidente del Kosovo, Hashim Thaci. Si occupa di traffico di esseri umani, di armi e di auto rubate, e di contrabbando di prodotti soggetti ad accisa, in particolare sigarette e benzina. A causa dei legami familiari, Thaci esercita un controllo diretto sulle autorità locali. La famiglia Tachi è associata alla mafia albanese, macedone, bulgara e ceca.

    I comuni di Pec, Decani e Djakovica fanno parte dell'area di Dukagjini, dove comanda il gruppo Metohija, guidato dal primo ministro del Kosovo, Ramush Haradinaj. È simile al gruppo di Hashim Thaci, ma si occupa inoltre di racket tra la popolazione locale. I beni di contrabbando vanno in Macedonia, nella Serbia meridionale e in Montenegro. Anche questo gruppo ha stretti legami con l'ELK.

    I comuni di Gnjilane Vitina e Kacanik fanno parte dell'area di Lab. In essa opera un gruppo fedele a Rustem Mustafi, soprannominato "Remy", che in passato è stato uno dei comandanti più influenti dell'ELK. Il loro principale business è il traffico di stupefacenti.

    In Kosovo ci sono altre famiglie che lavorano in cooperazione o sotto l'egida di una delle suddette persone.

    Questi includono includere la famiglia Luka (traffico di armi, droga), la famiglia Selimi (lo stesso, oltre a riscuotere le tasse illegali da parte della popolazione locale e l'intimidazione degli oppositori politici di altri partiti), la famiglia Agushi (estorsione).

    I clan del Kosovo sono strettamente collegati con persone affini provenienti da altri paesi europei, come Turchia, Albania e Bulgaria. In Slovacchia e Ungheria gli spacciatori albanesi controllano il 90% del mercato della droga, in Svizzera il 70%, in Danimarca il 50% e in Francia il 40%. Recentemente, le forniture di droga in Grecia sono aumentate. In Germania, gli albanesi hanno stabilito una delle più grandi reti di traffico di droga in Europa, e il reddito viene riciclato attraverso le banche private.

    Correlati:

    In Kosovo ucciso influente politico serbo
    La Serbia non ha bisogno di un “dialogo” sul Kosovo, ma sull’integrazione europea
    Kosovo, Serbia: Mosca faccia da mediatore in colloqui con Pristina
    Tags:
    narcotraffico, Criminalità, Mafia, Kosovo
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik