05:49 22 Ottobre 2018
Oceano

Esperti indicano il più grande disastro sottomarino della storia

© Sputnik . Vladimir Astapkovich
Mondo
URL abbreviato
0 101

I vulcanologi dell'Università della Tasmania hanno descritto la grande eruzione del vulcano sottomarino Havre Seamount, verificatasi nel 2012 e considerata la più forte degli ultimi 100 anni. Lo riferisce la rivista Science Advances.

All'inizio l'eruzione passò inosservata agli scienziati, ma ben presto i vulcanologi scoprirono, al largo della Nuova Zelanda, una grande "isola" fluttuante di pomice che raggiungeva i 26 mila chilometri quadrati. Tre mesi dopo l'eruzione, la massa si disintegrò e i frammenti arrivarono sulle coste di Tonga, Nuova Zelanda e Australia.

Gli scienziati hanno determinato il corso e il potere dell'attività vulcanica, dopo aver studiato il luogo dell'eruzione con l'aiuto di un veicolo subacqueo a controllo remoto. A una profondità di 1220 metri è stata scoperta una caldera di 4,5 chilometri: un grande bacino formato quando la parte superiore del vulcano è crollata verso l'interno. Sul fondo della caldera sono state trovate 14 bocche attraverso le quali fuoriusciva lava, cenere e pomice.

In tutta la storia delle osservazioni, l'eruzione dell'Havre è la più forte tra i vulcani sottomarini. Secondo i ricercatori, è stata 1,5 volte più potente dell'esplosione del vulcano St. Helens del 1980, la cui forza è stimata in cinque punti su otto sulla scala dell'attività vulcanica VEI.

Correlati:

Scienza, possibile curare il cancro con l’aiuto degli spermatozoi
Scienza, scoperto buco nero supermassiccio grande 800 milioni di Soli
Scienza, i prodotti Apple sono diventati una nuova religione
Tags:
catastrofe, Vulcano, oceano, Nuova Zelanda, Australia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik