12:32 21 Febbraio 2018
Roma+ 7°C
Mosca-10°C
    Bandiera giapponese

    Tokyo chiarisce chi gestirà i sistemi anti-missile USA in Giappone

    © AFP 2018/ Mandel NGAN
    Mondo
    URL abbreviato
    242

    Il sistema di difesa missilistica terrestre che il Giappone prevede di dislocare nel 2023, sarà controllato da Tokyo con scopi esclusivamente difensivi, quindi non rappresentano una minaccia ai Paesi della regione, in particolare Cina e Russia.

    Lo ha dichiarato il ministero degli Esteri giapponese a Sputnik alla richiesta di commentare le affermazioni del capo della diplomazia russa Sergey Lavrov nella conferenza stampa avvenuta lunedi.

    "Ci asteniamo dal commentare notizie di difesa diffuse attraverso i media. Per quanto riguarda il sistema missilistico Aegis Ashore, è il nostro sistema di contraerea nazionale con scopi puramente difensivi, che serve a proteggere le vite e i beni dei nostri concittadini. Il sistema di difesa missilistica terrestre "Aegis" sarà controllato dal Giappone e non è altro che un'armamento di difesa, non minaccia né la Russia nè gli altri Paesi vicini del Giappone. La parte giapponese lo ha riferito durante la visita del ministro degli Esteri Taro Kono a Mosca lo scorso novembre nell'incontro con il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov," — si legge nel comunicato del dicastero diplomatico giapponese.

    Allo stesso tempo la diplomazia nipponica ha sottolineato che il Giappone vuole condurre "con insistenza negoziati per determinare l'appartenenza di quattro isole" delle Curili e "firmare il trattato di pace con la Russia."

    Ieri il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov aveva dichiarato che Mosca dubita che gli Stati Uniti cedano il controllo del sistema di Aegis Ashore in Giappone e che le unità che verranno schierate in Giappone si distingueranno da quelle che si trovano in Corea del Sud ed Europa.

    Inoltre Lavrov ha sottolineato che, secondo la parte russa, il sistema è costituito da postazioni di lancio universali in grado di sparare qualsiasi tipo di testata missilistica d'attacco.

    Lo scorso 19 dicembre il governo giapponese aveva deciso di schierare sul territorio nazionale 2 unità del sistema di difesa anti-missile americano terrestre Aegis Ashore.

    Correlati:

    Giappone: la decisione di dispiegare gli Aegis Ashore USA non minaccia la Russia
    Crisi nordcoreana, Giappone chiede agli USA sistema anti-missile Aegis Ashore
    Russia-Giappone, alla riunione sulle isole Curili si parlerà di movimento ai confini
    Giappone, ministero Esteri definisce condizione per relazioni strategiche con la Russia
    Il Giappone intende cooperare con Russia e Cina dopo il test nucleare nordcoreano
    Tags:
    Difesa antimissile, Politica Internazionale, Geopolitica, Difesa, Sicurezza, Sergej Lavrov, Taro Kono, Corea del Nord, Penisola coreana, Russia, USA, Giappone
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik