18:21 18 Luglio 2018
A view of Damascus from Qasioun Mountain

Damasco: dichiarazione su zone di sicurezza è aperta aggressione da parte USA

© Sputnik . Mikhail Voskresenskiy
Mondo
URL abbreviato
4180

Damasco considera come un'aggressione aperta alla sovranità e all'integrità della Siria la dichiarazione degli USA sulla creazione di zone di sicurezza di frontiera della Siria, ha dichiarato il Ministero degli esteri della Siria.

Come precedentemente riportato dai media, la coalizione guidata dagli Stati Uniti addestrerà 30.000 persone in Siria per entrare a far parte della Border Security Force (BSF) per proteggere la zona sotto il proprio controllo.

"La Siria condanna fermamente la decisione delle bande armate degli Stati Uniti nel nord-est del paese, che è una chiara aggressione sulla sovranità e l'integrità territoriale della Siria e una grave violazione del diritto internazionale" cita la dichiarazione l'agenzia nazionale SANA.

Il Ministero degli esteri ha osservato che la decisione dell'amministrazione statunitense fa parte del programma distruttivo di Washington nella regione, al fine di aggravare la situazione e l'inasprimento delle dispute, e impedire anche la risoluzione della crisi.  

"Allo stesso tempo, dimostra la sua ostilità nei confronti delle nazioni arabe e serve il progetto sionista USA nella regione" si legge nella dichiarazione.

In precedenza, il Ministro degli esteri russo Sergey Lavrov ha detto che i piani degli Stati Uniti di creare una zona di sicurezza di confine in Siria, confermano che Washington non è interessata a preservare l'integrità dello stato siriano.

Correlati:

Forze governative siriane sbloccano assedio contro base militare presso Damasco
Siria, Lavrov rivela quali risultati si aspetta dal Congresso di dialogo nazionale (VIDEO)
Siria, Ankara contro piano Usa per creare nuovo gruppo armato
Turchia: gli Stati Uniti legalizzano le organizzazioni terroristiche in Siria
Tags:
conflitto, Conflitto in Siria, Conflitto in Siria, Guerra al Daesh, guerra civile, Border Security Force (BSF), il ministero degli Esteri, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik