17:10 10 Dicembre 2018
Il Pentagono, il quartier generale del Dipartimento della difesa statunitense.

Il Terabyte della morte potrebbe paralizzare l’intero sistema di comando militare USA

CC BY 2.0 / susansimon / the Pentagon from above
Mondo
URL abbreviato
462

Gli attacchi del terabyte della morte contro una infrastruttura militare potrebbero rappresentare un pericolo nel caso dovessero toccare le reti e le funzioni di comando e gestione, e quindi minare il controllo delle forze armate, ha detto il principale analista del "Centro pubblico regionale per le tecnologie di Internet" Urvan Parfentiev.

Il Pentagono ha annunciato la crescita del numero e della scala degli attacchi informatici contro il dipartimento militare statunitense. Il capo dell'Ufficio dei sistemi d'informazione della difesa del Pentagono, il tenente-generale Alan Lynn, ha detto che nel 2015 un attacco da un gigabyte era considerato "cosa seria", ma ora hanno raggiunto i 600 gigabyte, e in un prossimo futuro l'agenzia si appresterà ad affrontare mortali attacchi di diversi "terabyte". Lynn si è detto preoccupato per la potenza degli attacchi informatici, ma allo stesso tempo ha sostenuto che il Pentagono è pronto per affrontarli.

"In realtà, qualsiasi infrastruttura vitale è sempre obiettivo di attacchi. In alcuni casi, il criminale informatico in tal modo si autorealizza o lavora come rappresentante in comunità specializzate, ma spesso abbiamo a che fare con l'uso di armi informatiche che si tenta di utilizzare in condizioni di scontro reale o contro un vero nemico. Un attacco al Pentagono in questo caso potrebbe rappresentare un tentativo di mettere fuori controllo il centro di controllo principale responsabile del coordinamento delle forze armate degli Stati Uniti" spiega FBA "Ekonomika Segodnya".

Il generale Lynn aggiunge che parlando di attacchi informatici, egli non intendeva solo attacchi al punto di accesso a internet, ma anche altri "metodi unici e diversi che in precedenza non erano mai stati visti o presi in considerazione al Pentagono". Un attacco del "terabyte della morte" contro il Ministero della difesa degli Stati Uniti avverrà, è solo una questione di tempo.

Nel caso di un attacco del "terabyte della morte", bisogna prima capire di che tipo di attacco si parla. Parfentev dichiara che consiste principalmente di attacchi DDOS che semplicemente sovraccaricano il server attaccato, ma la possibilità di sovraccarico è determinata unicamente dalle sue specifiche tecniche.

"È chiaro che con il progresso della tecnologia informatica le macchine possono sostenere attacchi sempre più potenti, ma gli hacker di certo non stanno con le mani in mano, al contrario aumentano costantemente il proprio potenziale e migliorano i malware utilizzati. Nella maggior parte dei casi l'attacco viene eseguito dalle reti pubbliche, poiché in una rete chiusa, gli utenti esterni non possono entrare. Il terabyte della morte ha una natura esterna simile.

Finché l'attacco informatico non incide sulle reti e sulle funzioni di comando e controllo le sue conseguenze non sono così gravi. Se invece l'attacco mira proprio al processo di comando e di gestione, esso può facilmente generare una paralisi del sistema. In questo caso, il centro di gestione perde la capacità di trasmettere segnali per tempo, ricevere informazioni tempestivamente e di esercitare il controllo sulle forze armate" conclude il generale.

Ricordiamo che in precedenza il Washington Post ha reso nota l'approvazione da parte del presidente Obama dell'utilizzo di armi cibernetiche contro le infrastrutture russe. Gli esperti hanno definito questo segnale un "equivalente digitale di una bomba", che potrebbe essere utilizzata in caso di un peggioramento delle relazioni.

Correlati:

Symantec: gli hacker potrebbero accedere alle reti energetiche dell'Europa e degli USA
Ex capo intelligence britannica annuncia minaccia attacchi hacker da parte di Pyongyang
Tags:
cyber attacco, hacker, Attacchi informatici, hacker, Attacchi hacker, Hacker, Pentagono, USA, Mondo
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik