01:47 12 Dicembre 2018
Russian servicemen at the Hmeymim airbase in Syria. File photo

Ministero degli esteri indica possibile obiettivo degli attacchi a Hmeymim

© Sputnik . Maksim Blinov
Mondo
URL abbreviato
390

L’attacco alla base russa di Hmeymim in Siria potrebbe essere stato condotta col fine di bloccare il processo di risoluzione politica nel paese e in particolare per fermare il Congresso di dialogo siriano che si svolgerà a Sochi alla fine di gennaio, ha detto il rappresentante ufficiale del Ministero degli esteri Maria Zakharova.

Nella notte del 6 gennaio è stato sventato una attacco dei terroristi alla base aerea di Hmeymim e al porto militare di Tartus con l'uso di droni. Sono stati rilevati 13 droni in avvicinamento verso le strutture militari russe. Una parte è stata abbattuta, una parte è stata distrutta a causa dell'esplosione delle munizioni al contatto col suolo mentre altri sono stati fatti atterrare. La Zakharova ha dichiarato che in Siria grazie agli sforzi anti-terrorismo della Russia, agli stessi siriani e a coloro che hanno partecipato all'annientamento dei terroristi, è stato creato un terreno solido "per avviare un processo globale di pace, non solo di dialogo ma anche di sviluppo pratico per il futuro del paese".

L'indebolimento della base, che è stata costruita con tanta fatica per tanti anni, è naturalmente fondamentale per coloro che sono alla base di questa destabilizzazione, per impedire l'insediamento politico generale. E dal momento che il congresso pianificato a Sochi ha il compito di trovare una soluzione politica in Siria, quindi esso diventa anche un obiettivo di coloro che vogliono destabilizzare la situazione" ha detto in un briefing.

Il Congresso del Dialogo Nazionale Siriano si terrà dal 29 al 30 gennaio a Sochi. Il rappresentante speciale del presidente russo per la Siria, Alexander Lavrentiev, ha precedentemente dichiarato che al forum, che dovrà avviare il processo per stilare una nuova costituzione siriana, sarà data la parola a tutti: dal governo e all'opposizione interna, esterna e armata. Non sono pianificati interventi da parte dei rappresentanti dei paesi garanti (Russia, Iran, Turchia).

Correlati:

Droni sulle basi russe in Siria, un segnale per Mosca?
Catturati e uccisi i terroristi che hanno attaccato la base russa in Siria. VIDEO
Siria, Usa pronti a utilizzare sanzioni contro Iran per rimuovere truppe dal paese
Cremlino parla dei rapporti tra Russia, Turchia e Iran sulla Siria
Tags:
guerra, pace, Crisi in Siria, Conflitto in Siria, azioni russe in Siria, il ministero degli Esteri, Maria Zakharova, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik