13:37 14 Dicembre 2018
Professor Stephen Hawking

Clima, l'allarme di Stephen Hawking: l'umanità dovrà cercarsi un'altra casa

© East News / Photoshot/REPORTER
Mondo
URL abbreviato
12513

Il proseguimento del riscaldamento globale renderà la vita sulla Terra insopportabile, ritiene il fisico britannico Stephen Hawking.

Lo scienziato di fama mondiale ne ha parlato nel secondo episodio del suo progetto video "Stephen Hawking's Favourite Places".

Il fisico ipotizza che la Terra possa fare la stessa fine di Venere, se il problema dell'effetto serra non verrà risolto.

Secondo uno studio della NASA, quattro miliardi di anni fa Venere assomigliava alla Terra: presumibilmente c'erano acqua e vegetazione e le temperature sul pianeta erano simili a quelle del nostro pianeta.

Tuttavia l'accumulo di gas serra nell'atmosfera ha riscaldato Venere fino a 460 °C, rendendolo il pianeta più caldo del sistema solare.

Dato che l'età della Terra è di 4 miliardi e mezzo di anni, tra 200 o 500 anni l'umanità dovrà cercarsi una nuova "casa", predice Hawking.

"La prossima volta che incontrerete una persona che confuta il cambiamento climatico, mandatelo su Venere, pagherò il viaggio", il portale CNET cita il fisico.

In precedenza Stephen Hawking aveva predetto la scomparsa dell'umanità entro il 2060. Secondo lo scienziato, la popolazione della Terra crescerà, il consumo di energia aumenterà e il pianeta stesso si trasformerà in una "palla di fuoco incandescente".

Correlati:

Hawking ha spiegato perché i robot possono distruggere l'umanità
Sito dell'università di Cambridge va in tilt dopo la pubblicazione della tesi di Hawking
Cambiamenti climatici, Hawking: gli USA distruggeranno la Terra
Climatologi smentiscono profezia di Hawking: la Terrà non diventerà Venere
Stephen Hawking: colonizzare altri pianeti per la salvezza dell'umanità
Stephen Hawking suggerisce creazione di un governo unico globale
Tags:
Venere, Vita, Umanità, Terra, Scienza e Tecnica, cambiamenti climatici, clima, Stephen Hawking
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik