09:29 21 Novembre 2019
Luna

Scienziati cinesi spiegano perché mandano bruchi sulla Luna

© flickr.com/ davejdoe
Mondo
URL abbreviato
253
Seguici su

Oltre a bruchi e uova di baco da seta sul satellite della Terra potrebbero essere inviati semi di patate e di arabetta. Se tutto andrà secondo i piani, la missione avrà inizio già a giugno del 2018.

Mentre Elon Musk prepara la missione su Marte, i cinesi hanno deciso di conquistare la Luna. Nonostante per molti la Luna è una tappa già passata dell'esplorazione spaziale, altri hanno deciso di ricominciare i lavori sul satellite del nostro pianeta.

Quest'anno nell'ambito del programma lunare cinese si pianifica di condurre la missione Chang'e-4. Nel quadro di questo programma sono stati inviati sulla Luna due apparati orbitali e anche un modulo di atterraggio con un rover.

Dopo il lancio degli apparati gli scienziati cinesi hanno avuto l'idea per un nuovo progetto: studiare gli effetti della gravità lunare sugli insetti e le piante terrestri. La missione Chang'e-4 dovrebbe inziare a giugno di quest'anno.

A bordo del modulo di atterraggio con il rover si troverà un contenitore con dei semi e degli insetti.

"Nel contenitore si troveranno semi di patate, arabetta e uova di baco da seta. I bachi da seta possono produrre anidride carbonica, mentre patate e semi possono produrre ossigeno per loro attraverso la fotosintesi. Di conseguenza, saremo in grado di ottenere un ecosistema semplice" ha detto in un'intervista con il quotidiano locale Chongqing Morning Post l'ideatore del contenitore Qian Yanxun.

In questa missione è insolito anche il fatto che l'atterraggio dell'apparato avverrà sul lato oscuro della Luna, dove sono state fatte poche ricerche. Su questo lato della Luna c'è Aitken, un enorme cratere nell'emisfero meridionale del satellite.

Secondo le misure preliminari, il diametro approssimativo del cratere è di 2500 chilometri per una profondità di circa 13 chilometri, il che lo rende uno dei più grandi crateri dell'intero sistema solare.

Si presume che in quest'area ci possano essere grandi riserve di acqua ghiacciata. Senza esposizione alla luce solare diretta, il ghiaccio in questa zona non sarebbe soggetto a sublimazione e a dissociazione chimica.

Dalla metà del secolo scorso, sono stati effettuati diversi studi, dagli americani con le missioni Apollo-15/16/17,Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO), così come dall'India con la missione Chandrayaan-1.

La missione indiana ha contribuito a confermare le ipotesi degli scienziati della presenza di acqua in questa regione. Nel 2008, fu lanciata una sonda di impatto, con l'aiuto della quale delle particelle di polvere lunare furono sollevate dalla superficie del satellite nello spazio per poi essere successivamente studiate dall'orbiter. L'analisi ha mostrato la presenza di acqua ghiacciata nel cratere di Aitken. Successivamente, i dati sono stati confermati anche dalla sonda spaziale della NASA LRO.

Da allora, il cratere è diventato uno dei luoghi più adatti per la costruzione della base lunare.

Tornando alla missione cinese "Chang'e-4", va notato che gli apparati inviati sulla Luna non solo esploreranno la zona del cratere, ma cercheranno anche di scoprire se sarà possibile allevare e coltivare organismi viventi in condizioni di gravità lunare.

Se la missione avrà successo, la Cina prevede di condurre una missione con equipaggio sulla luna entro i prossimi 15 anni. Inoltre, ci sono voci che la Cina voglia costruire un radiotelescopio su un satellite. Il radiotelescopio verrà installato sul retro del satellite, dove non sarà esposto alle onde radio provenienti dalla Terra.

Correlati:

Giapponesi hanno pensato a come fare pubblicità sulla Luna
La Russia attraverso le Nazioni Unite vuole difendere l'indipendenza della Luna
Sulla Luna trovato un alieno con lo zaino in spalla
Esperto commenta piani di Trump per preparazione a missione americana sulla Luna
La Cina invierà astronauti-robot sulla Luna
Tags:
Spazio, Missione spaziale, Luna, Missione lunare, Spazio, Terra
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik