Widgets Magazine
19:38 21 Ottobre 2019
Teheran, Iran

I prezzi del petrolio in calo dopo il record di crescita

© Sputnik . Vladimir Fedorenko
Mondo
URL abbreviato
241
Seguici su

I prezzi mondiali del petrolio hanno subito un ribasso di correzione oggi pomeriggio, questa mattina erano ai massimi da metà del 2015 per gli eventi in Iran, testimoniano i dati di mercato.

A partire dalle 13:40 il costo dei futures di marzo del Brent è diminuito del 0,21 per cento, fino a 66,72 dollari al barile. La mattina il prezzo del petrolio Brent per la prima volta dal maggio del 2015 ha raggiunto i 67,29 dollari al barile. A febbraio il prezzo dei futures sul petrolio WTI si è ridotto dello 0,13 per cento, fino a 60,34 dollari al barile. Entrambe le compagnie petrolifere per la prima volta dal 2014 ha iniziato l'anno con quote altimetriche superiori a 60 dollari.

Il principale fattore che ha contribuito alla crescita dei prezzi dell'"oro nero" all'inizio del primo giorno lavorativo del nuovo anno è legato ai disordini in Iran, un grande paese produttore di petrolio ed esportatore di materie prime.

In molte città dell'Iran, tra cui Teheran, Mashhad, Isfahan e Rasht, dal 28 dicembre ci sono proteste di massa. Il presidente della Repubblica Islamica, Hassan Rouhani ha detto che il malcontento è causato da problemi interni al paese, ma anche dall'incitamento da parte di altri paesi. Secondo i media, le vittime delle proteste sono almeno 20.

"I crescenti disordini in Iran hanno preparato il terreno per un inizio ottimistico del 2018 nel mercato del petrolio" ha scritto l'agenzia Reuters citando gli analisti di Schork Report.

Correlati:

Che cosa sta accadendo realmente in Iran?
Pence: gli Stati Uniti non ignoreranno le proteste in Iran
USA-Arabia Saudita: Iran responsabile di ripetute violazioni del diritto internazionale
Tags:
prezzi petrolio, Caso petrolio, Iran
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik