13:21 22 Novembre 2019
Facebook

Ambasciata russa a Londra si schiera a difesa di Facebook dopo minacce deputato britannico

© AP Photo / dapd, Joerg Koch
Mondo
URL abbreviato
3142
Seguici su

L'Ambasciata russa in Gran Bretagna ha criticato l'idea di imporre sanzioni contro Facebook e Twitter nel caso i social network non forniscano informazioni al governo britannico sulle attività della Russia durante la Brexit.

I diplomatici russi hanno prestato attenzione su un articolo del Guardian intitolato "Facebook minacciata di sanzioni per l'interferenza russa".

Il giornale scrive che il presidente della commissione Cultura, Media e Sport del Parlamento Damian Collins ha avvertito la direzione dei social network che potrebbero incorre in misure afflittive se ostacoleranno le indagini del Parlamento britannico "sull'ingerenza russa" durante il referendum che ha sancito la Brexit.

"Costruisci prove o sei sanzionato". Damian Collins, siamo nel 2017, non nel 1984", ha twittato l'Ambasciata russa.

​"1984" è il famoso romanzo di fantapolitica di George Orwell, incentrato su un regime totalitario onnipresente.

Correlati:

Simonyan: Londra si offende perché Twitter non ha confermato “influenza” di RT su Brexit
Tony Blair dichiara di lavorare per annullare la Brexit: “è reversibile”
Per l'Indipendent "Bruxelles vuole obbligare Londra a rispettare norme UE dopo Brexit"
Tusk accusa la Russia di "influenza ostile" sulla Brexit
Telegraph: "la Brexit è colpa della politica migratoria di Londra, non dei robot di Mosca"
“Basta spaventare la gente”: l'Ambasciata russa a Londra risponde al Times
Ambasciata russa a Londra ironizza su articolo Guardian dal titolo cosa fare con la Russia
Ambasciata a Londra risponde seccamente ad attacchi dei media contro la Russia
Ambasciata russa a Londra mostra panzana dei servizi segreti britannici
Tags:
Sanzioni, Società, referendum, Social Network, Russofobia, Ambasciata, Brexit, Facebook, Damian Collins, Gran Bretagna, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik