15:12 21 Maggio 2018
Roma+ 24°C
Mosca+ 20°C
    Antica spada scoperta in Cina

    Il 2017 è stato l’anno delle scoperte archeologiche

    © Foto : Screenshot
    Mondo
    URL abbreviato
    10133

    Nel 2017 gli archeologi hanno presentano molti artefatti interessanti che hanno contribuito a far luce sul passato dell’umanità. Dalle misteriose costruzioni in pietra nell’Arabia Saudita alla tomba di una donna sepolta con il cuore del suo sposo. Live Science riporta le 10 più impressionanti scoperte dell’anno.

    Questo autunno si è saputo della scoperta di circa 400 costruzioni rettangolari in pietra, chiamate "porte", che ricordano le recinzioni dei campi sportivi. Le strutture sono state trovate in paesaggi ostili — campi di lava, luoghi privi di vegetazione e fonti d'acqua. Però mille anni fa queste zone erano abitabili.

    A febbraio è stata scoperta una caverna dove si conservavano le pergamene sconosciute del mar Morto. Durante gli scavi sono stati trovati i vasi per la conservazione delle pergamene, oggetti di pelle, tessuto. I vasi di terracotta e i pezzi delle pergamene erano nascosti nelle nicchie della caverna.

    In Egitto è stata trovata una piramide di 3800 anni del faraone Ameny Qemau. Si tratta della seconda piramide del faraone egiziano. La prima, scoperta nel 1957, si trova solo a 600 metri da quella recentemente scoperta. Ameny Qemau fu il quinto faraone della dinastia e governò solo per 2 anni, dal 1793 al 1791 a.C.

    I resti più antichi di Homo sapiens sono stati trovati in Marocco. I ricercatori hanno comunicato che i corpi di tre adulti, un ragazzino e un bambino hanno più di 300 mila anni. Questi reperti indicano che l'Homo sapiens comparì come minimo 100 mila anni prima di quanto si pensava.

    Nella tomba dell'aristocratica Louise de Quengo, che morì nel 1656 all'età di 65 anni, sono stati trovati 5 cuori umani, incluso quello di suo marito. Toussaint de Perrien morì sette anni prima di lei. Il cuore dell'uomo è stato asportato dal suo corpo e messo in una fodera protettiva e poi nella bara di sua moglie. La tomba della donna si trova nel monastero di Rennes, in Francia. Quella del marito invece a 201 chilometri di distanza. La sua tomba ancora non è stata trovata, però il cuore di Louise si trova della bara del coniuge.

    Nella città greca di Pylos è stata trovata una pietra preziosa con l'immagine incisa di un guerriero che si erge trionfalmente sopra il corpo del nemico ucciso. I dettagli del disegno sono talmente complicati che per studiarli è servito un microscopio.

    Una tavoletta di terracotta trovata in Turchia è risultata essere un contratto matrimoniale di 4000 anni fa. Il contratto prevedeva istruzioni per il capo famiglia nel caso dell'infecondità della moglie. In questo caso il coniuge doveva usare una schiava come madre surrogata.

    Gli archeologi hanno trovato tracce di uomini antiche di 8000 anni in Georgia. In particolare sono stati trovati vasi per il vino con resti di vino. Questo è il vino più antico del mondo: le ricerche archeologiche precedenti attestavano che la produzione del vino è cominciata 7000 mila anni fa.

    Studiando il DNA dell'Uomo di Neanderthal gli scienziati hanno scoperto che sapeva usare gli antibiotici (usando la muffa particolare) e l'aspirina (anche d'origine vegetale).

    La trigonometria di babilonia di 3700 anni fa è stata scoperta su una tavoletta di terracotta. Trovata nel Sud dell'Iraq, negli appunti è usato il sistema sessagesimale che Babele ha ereditato dai sumeri.

    Correlati:

    Artico, quella del calabrone dei ghiacciai è la scoperta più misteriosa della regione
    Autorità della Crimea annunciano scoperta piano di screditamento della penisola
    Astronomo tedesco vicino alla scoperta della prima luna extra Sistema Solare
    Tags:
    archeologia, Scoperta, Media
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik