15:58 21 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
4402
Seguici su

L'ex collaboratore dei servizi segreti americani Edward Snowden, che dopo la pubblicazione delle sue rivelazioni sui programmi di sorveglianza elettronica di massa ha ricevuto asilo in Russia, ha presentato la nuova applicazione mobile Haven.

L'applicazione consente ai proprietari di monitorare da remoto la loro casa e la proprietà. Informazioni sono disponibili sul sito dell'organizzazione, del co-autore del progetto, la Freedom of the Press Foundation. Secondo gli sviluppatori, il sistema di sicurezza può essere utile ai giornalisti e attivisti dei diritti umani. Consente di ricevere il segnale di allarme, se in spazio protetto, ad esempio, se in una camera d'albergo, di nascosto, in assenza del proprietario degli estranei effettuano una perquisizione, ed è possibile visualizzare il contenuto di dispositivi elettronici.

L'applicazione tiene traccia dei cambiamenti nell'ambiente, facendo uso di sensori di un normale smartphone, come la fotocamera, il microfono, giroscopio, accelerometro, sensore di luce, e registra anche il tentativo di connessione tramite connettore.

In caso di attività sospette, lo smartphone invia un messaggio cifrato al telefono del proprietario; da quel momento il proprietario è in grado di effettuare il monitoraggio da remoto tramite il servizio Tor Onion. Come accennato, l'applicazione è completamente gratuita e il codice sorgente del programma è aperto. Ora è in stato di beta-testing. I creatori chiedono di provarlo, gli sviluppatori e partner vogliono partecipare al progetto.

Correlati:

Media, avvocato Snowden: prematuro per la società russa abbandonare l’anonimato in rete
Comitato ad hoc Congresso USA: Snowden è a contatto con i servizi segreti russi
Peskov: Snowden non è un giocattolo, negli USA rischia la pena di morte
Tags:
computer, Edward Snowden, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook