10:41 16 Luglio 2018
The International Space Station (ISS) uses a modular design first perfected by Soviet engineers in the 1980s.

Il cosmonauta russo ha parlato del cosmodromo per gli ufo in Europa

CC BY 2.0 / NASA's Marshall Space Flight Center Follow
Mondo
URL abbreviato
9102

Il cosmonauta russo Sergei Ryazan, cinque giorni fa è tornato con dalla stazione spaziale internazionale e ha detto ai giornalisti che non ha visto nello spazio il pianeta Nibiru, ma qualcosa di "insolito" in orbita.

Lo riferisce la Komsomolskaja Pravda. Secondo Ryazan, in uno dei paesi d'Europa "c'è un territorio con una grande foresta" a centinaia di chilometri di distanza, su cui ci sono cerchi, triangoli e quadrati, collegati tra loro e visibili dallo spazio.

"E ' ovvio che qualcuno lo ha fatto apposta. Ma perché? Su internet non ci sono informazioni. Molto probabilmente, è un campo di addestramento militare, scrivono. Forse un punto di atterraggio per gli alieni" ha detto il cosmonauta. Anche Ryazan ha parlato di "odore" dello spazio. Secondo lui, quando gli astronauti tolgono i caschi dopo l'uscita nello spazio aperto, sentono un "odore particolare". Secondo lui, ricorda l'odore di saldatura, i suoi colleghi americani dicono che è "l'odore di ferrovia dopo che è passato un treno".

A novembre il comandante del nuovo equipaggio della Stazione spaziale internazionale Anton Shkaplerov ha detto che sui tamponi con cui gli astronauti hanno preso campioni all'esterno della stazione, sono stati trovati batteri, in precedenza, assenti. Secondo l'astronauta, sono "venuti dallo spazio e si sono stabiliti sul lato esterno del rivestimento". Il comandante ha sottolineato che non c'è nessun pericolo nei microrganismi trovati, ora studiati in laboratorio.

Correlati:

Scienziati russi: sull'ISS esperimento di gravità artificiale su mosche e vermi
Spazio, prossimo lancio verso Iss da cosmodromo di Baikonur il 13 settembre
Da Cape Canaveral parte la capsula Dragon, con un carico per la ISS
Tags:
ufo, ISS, Spazio
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik