06:01 21 Aprile 2018
Roma+ 13°C
Mosca+ 10°C
    Centrale nucleare di Chernobyl

    L'Ucraina ha trovato l'alternativa all'esportazione di combustibile nucleare in Russia

    © Sputnik . Alexei Furman
    Mondo
    URL abbreviato
    4113

    Kiev ha firmato un accordo con il Central Storage Safety Project Trust statunitense per l'aumento di un prestito di 250 milioni di dollari per la costruzione di un deposito di combustibile nucleare esausto. Lo ha reso noto l’ufficio stampa del ministero delle Finanze ucraino.

    "Energoatom, OPIC (l'istituto finanziario del governo degli Stati Uniti) e il Central Storage Safety Project hanno firmato accordi per attirare 250 milioni di dollari da destinare alla costruzione di un deposito centralizzato per combustibile nucleare esausto", ha dichiarato il ministero ucraino su Twitter.

    Dal dicastero hanno fatto sapere che queste misure consentiranno di risparmiare 200 milioni di dollari l'anno sull'esportazione di combustibile nucleare esausto in Russia.

    In precedenza Kiev ha annunciato che dal 2017 avrebbe smesso di pagare alla Russia 200 milioni di dollari l'anno per l'esportazione del combustibile nucleare esausto. A novembre, Energoatom e l'americana Holtec hanno iniziato la costruzione di un impianto di stoccaggio nella zona di Chernobyl, che dovrebbe entrare in funzione nel 2020. Allo stesso tempo, a maggio 2017, l'Ucraina ha ripristinato i pagamenti a Mosca per l'importazione in Russia del combustibile nucleare esaurito delle sue centrali nucleari.

    Correlati:

    A Mosca si parla dei rischi del via libera di Washington alle consegne di armi in Ucraina
    Bulgaria sospende affare con la Russia sui Mig per l'intervento dell'Ucraina
    Russia-Ucraina, oggi nuova riunione gruppo di contatto su Donbass
    Tags:
    carburante, Esportazioni, finanziamenti, nucleare, accordo, Ucraina, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik