23:24 21 Ottobre 2018
La bandiera della Libia

La Libia è sull'orlo di una nuova crisi dei migranti

© AP Photo / Mohammad Hannon
Mondo
URL abbreviato
433

L'organizzazione per i diritti umani Amnesty International ha accusato i governi europei di essere coinvolti nelle violenze sui rifugiati e migranti in Libia.

Questo riferisce il dossier dell'organizzazione pubblicato il 12 dicembre. Secondo l'organizzazione per i diritti umani, gli stati membri dell'UE alla fine del 2016 hanno fornito supporto tecnico e assistenza al dipartimento libico che combatte la migrazione clandestina, che in realtà gestisce la rete dei centri di detenzione dei migranti. Inoltre, i paesi europei hanno contribuito alla detenzione di persone in mare, fornendo attrezzature alla guardia costiera libica.

L'esperto di Libia, Usef Shakir, ha detto a Sputnik, che "l'Europa in generale e l'Italia in particolare sono i principali colpevoli delle violazioni compiute contro i migranti in Libia. I paesi della NATO sono responsabili della distruzione delle forze libiche, che controllavano i confini del paese e i valichi di frontiera. Le tecniche dell'Unione Europea per combattere la violazione dei diritti dei migranti sono inefficaci. La mafia locale, che si occupa del contrabbando e attraversamento illegale dei confini, in Libia e nei vicini paesi africani è più forte di tutte le organizzazioni internazionali. Conosce perfettamente tutti i possibili nascondigli e retrovie da utilizzare per la sua attività" ha detto l'esperto.

"I governi europei, dalle loro agenzie di intelligence, sono ben consapevoli di ciò che sta accadendo in Libia e nei campi di concentramento per migranti. Sono i frutti della loro azione del 2011, quando hanno distrutto l'esercito e la polizia, che con successo svolgeva i suoi compiti" ha detto lo specialista.

Il segretario generale libico dell'associazione delle vittime della NATO Muhammed Zuaida ha confermato in un'intervista a Sputnik, che "lo stato di cose attuale è il risultato naturale dell'invasione del 2011 della NATO. Ora abbiamo il terrorismo, il traffico di esseri umani e di armi, immigrazione clandestina e violazione dei diritti umani". Ha sottolineato che per il trasporto di migranti verso le coste europee, i criminali hanno in cambio pagamenti, non è un fenomeno naturale, è un sistema di scambio organizzato.

Il responsabile ha aggiunto che ora è a rischio la situazione nel sud della Libia. In questa regione sono concentrati i più ricchi giacimenti di petrolio e di gas, ma anche di acqua. La gente manca, la popolazione non supera le 5 mila persone. E ora si stabiliscono nel sito famiglie africane. In futuro questo potrebbe portare alla completa esclusione dei libici e causare problemi e tensioni, ha detto il segretario generale libico dell'associazione delle vittime della NATO.

Correlati:

Il capo del gruppo di contatto in Libia nega il coinvolgimento dell'aviazione russa
Libia, Dengov: per la Russia non ha senso revocare l'embargo sulle armi
Libia: premier Sarraj accoglie con favore l’approvazione del nuovo progetto costituzionale
Tags:
Migranti, Amnesty International, Libia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik