02:10 22 Gennaio 2021
Mondo
URL abbreviato
8114
Seguici su

Secondo le richieste del Comitato Olimpico Internazionale (CIO) relative alle uniformi e alle attrezzature degli atleti russi che prenderanno parte alle prossime Olimpiadi invernali, non è consentito l'utilizzo di simboli che ricordano la Russia.

Lo si afferma in un documento inviato alle federazioni nazionali degli sport invernali finito a disposizione dell'agenzia "R-Sport".

I principi che devono essere osservati per la preparazione delle uniformi e delle attrezzature sportive sono:

— l'emblema nazionale e lo stemma del Comitato Olimpico nazionale (Comitato Olimpico della Russia) devono essere sostituiti dagli anelli olimpici;

— "RUS" cambia in "OAR";

— "Russia" cambia in "atleta olimpico proveniente dalla Russia" (Olympic Athlete from Russia);

— la dimensione delle parole "Olympic Athlete from" deve essere uguale alla parola "Russia";

— l'espressione "Team Russia" non deve essere utilizzata sulle attrezzature ed uniformi sportive;

— l'uso dell'inglese deve essere il più versatile possibile;

— sono consentiti uno o due colori della bandiera nazionale, ma è richiesta l'approvazione preliminare da parte del CIO, inoltre non deve essere visibile in nessuna parte il tricolore russo;

— tutti questi principi valgono per atleti, allenatori e dirigenti;

— tutte le attrezzature e le uniformi necessitano l'approvazione del CIO.

Il 5 dicembre scorso il comitato esecutivo del CIO aveva annunciato che solo gli atleti russi puliti senza precedenti di doping avrebbero preso parte alle Olimpiadi invernali 2018 sotto bandiera neutrale. L'ammissione degli atleti verrà valutata e concessa da una commissione speciale.

Correlati:

Per la CNN “Seul non si aspettava dal CIO una punizione così dura contro la Russia”
A Pyeongchang 2018 ammessi solo gli atleti russi non positivi sotto bandiera CIO
Il No-Russia alle Olimpiadi costerà al CIO miliardi di dollari
Tags:
Sport, Russofobia, Olimpiadi 2018, Olimpiadi di Pyeongchang 2018, CIO, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook