23:13 24 Maggio 2018
Roma+ 20°C
Mosca+ 17°C
    Margarita Simonyan, caporedattore di Rossiya Segodnya

    Simonyan: Londra si offende perché Twitter non ha confermato “influenza” di RT su Brexit

    © Sputnik . Sergey Guneev
    Mondo
    URL abbreviato
    5120

    La caporedattrice di MIA Rossiya Segodnya e del canale tv RT, Margarita Simonyan, ha commentato l’insoddisfazione dei membri del parlamento britannico dopo che Twitter non è riuscita a dimostrare le prove dell’influenza della Russia sui risultati del referendum sulla Brexit.

    "I membri del parlamento britannico sono insoddisfatti perché Twitter non ha potuto confermato l'ingerenza di RT sulla Brexit, e hanno chiesto al social di scavare più a fondo" ha detto la Simonyan.

    In precedenza, il Guardian ha riferito che il presidente della commissione parlamentare per la cultura, i media e lo sport Damian Collins ha dichiarato di essere rimasto insoddisfatto dai dati forniti dal social network.

    Come scrive il quotidiano, Twitter ha trovato un nuovo account, probabilmente russo, che ha pubblicato sei annunci di RT durante il referendum sull'uscita del paese dall'UE. Questo account ha speso un poco più mille dollari per queste pubblicità.

    A novembre, la Commissione elettorale britannica ha iniziato a indagare sulle fonti di finanziamento per la campagna Brexit. Le informazioni corrispondenti sono state richieste dai social network. Facebook e Twitter hanno poi dichiarato di essere pronti a collaborare nelle indagini.

    Queste società sono anche coinvolte nelle indagini del Congresso degli Stati Uniti sulla presunta "ingerenza russa" nelle elezioni presidenziali USA dello scorso anno.

    La Russia ha ripetutamente respinto le accuse sull'ingerenza nei processi elettorali di Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna e in Germania. Il segretario stampa del presidente, Dmitrij Peskov, ha definito le accuse "assolutamente infondate" e il Ministro degli esteri Sergey Lavrov ha sottolineato la mancanza di prove.

    A novembre 2016 il Parlamento Europeo ha adottato una risoluzione sulla necessità di contrastare i media russi. Nel rapporto si dichiara che le principali minacce d'informazione per l'Unione Europea e i suoi partner nell'Europa orientale sono Sputnik, RT e la Russkiy Mir Foundation.

    Negli Stati Uniti, RT America e la società partner Sputnik, Reston Translator, sono stati registrati come agenti stranieri. Anche la statunitense Multicultural Radio Broadcasting (Mrbi), che trasmette Radio Sputnik sulle frequenze AM, è stata avvertita della possibilità di essere registrata come agente straniero. In Russia, in risposta, è stata adottata una legge sui media e nove media americani sono stati inclusi nel registro degli agenti stranieri.

    Correlati:

    Simonyan ha oscurato Hillary Clinton nella lista delle donne più influenti di Forbes
    Simonyan su risposta russa a oppressione RT negli USA: accolgo tutte le misure
    Simonyan ammette possibile contrattacco a divieto di pubblicità per RT su Twitter
    Tags:
    Social Network, mass media, Media, Twitter, social network, Mass media, campagna mediatica, Media, indagine, Twitter, Parlamento, RT, Margarita Simonyan, Russia, Gran Bretagna, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik