17:34 15 Dicembre 2018
Edifici distrutti a Bengasi, Libia

Lavrov: Russia pronta a promuovere accordi per una risoluzione in Libia

© AFP 2018 / ABDULLAH DOMA
Mondo
URL abbreviato
6130

La Russia è pronta a promuovere degli accordi per una risoluzione in Libia, ha dichiarato il Ministro degli esteri della Russia Sergey Lavrov.

"La Federazione Russa è pronta a sostenere pienamente gli accordi finali. Fin dall'inizio della crisi libica, abbiamo stabilito contatti con tutti, senza eccezione, gruppi politici e tribù. E oggi manteniamo una cooperazione molto stretta con tutte le parti coinvolte nel conflitto libico" ha detto prima dei colloqui con il Ministro degli esteri del governo di accordo nazionale della Libia Mohammad Siyala.

"Ci aspettiamo anche che come la situazione si stabilizzerà, ovvero quando verranno eliminate le minacce allo stato libico e sarà garantita la sicurezza del popolo libico, saremo in grado di aumentare la cooperazione bilaterale con una Libia unita, sovrana e libera" ha aggiunto Lavrov.

Dopo il rovesciamento e l'omicidio nel 2011 durante il conflitto armato di Muammar Gheddafi, la Libia sta vivendo un periodo di crisi acuta. Il paese ha due governi, uno ad est nella città di Tobruk dove risiede il parlamento eletto dal popolo, e ad ovest nella capitale Tripoli, dove è stato formato un governo accordo nazionale con il sostegno delle Nazioni Unite guidato da Fayez Sarraj. Le autorità nella parte orientale del paese operano indipendentemente da Tripoli e cooperano con l'esercito nazionale guidato da Khalifa Haftar, che è impegnato in una guerra prolungata contro i terroristi. 

Correlati:

Esperto: dalla Libia andrebbero evacuati tutti i migranti, non solo i clandestini
Libia: chi controlla il mercato degli schiavi?
Traffico di schiavi in Libia: africani assediano ambasciate libiche
Libia, Dengov: per la Russia non ha senso revocare l'embargo sulle armi
Tags:
guerra, Guerra, crisi in Libia, il ministero degli Esteri, Sergej Lavrov, Muhammar Gheddafi, Khalifa Haftar, Libia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik