14:32 21 Settembre 2018
Aereo spia americano RC-135U intercettato da caccia russo Su-27 nel Baltico (19 giugno 2017)

La Difesa ha riferito di un incidente tra un Su-25 russo e un F-22 americano in Siria

© Foto: U.S. European Command
Mondo
URL abbreviato
351246

La maggior parte degli avvicinamenti tra aerei russi e americani nella zona della valle dell'Eufrate sono associati ai tentativi dell'aviazione USA di interferire nella distruzione dello Stato Islamico.

Lo ha dichiarato il portavoce ufficiale del ministero della Difesa, il generale Igor Konashenkov. Così il ministero della Difesa ha reagito alle dichiarazioni dei rappresentanti del Pentagono date durante un'intervista al New York Times e al canale televisivo CNN, secondo cui l'aviazione russa compie avvicinamenti pericolosi con gli aerei americani in Siria, come ha detto il portavoce del comando centrale americano Damien Pikart, "nel nostro spazio aereo a est dal fiume Eufrate".

"La maggior parte degli incontri ravvicinati degli aerei russi e americani nella zona della valle del fiume Eufrate sono associati ai tentativi dell'aviazione americana di creare interferenze nella distruzione dell'ISIS. Così, ad esempio, il 23 novembre nello spazio aereo sopra la riva occidentale del fiume Eufrate un caccia americano F-22 ha attivamente interferito con un Su-25 che combatteva per distruggere un punto di riferimento dell'ISIS nei sobborghi di Mejadin. L'F-22 ha attivato trappole di calore e ha rilasciato i freni con delle manovre che simulavano un combattimento aereo" ha detto il rappresentante russo, che ha riferito della comparsa di un altro caccia Su-35 multi-funzione, che ha fatto smettere all'aereo americano di fare manovre pericolose. Dopo "si è ritirato nello spazio aereo iracheno".

"Notiamo che la controparte americana su questo e molti altri episodi nel cielo della Siria non ha dato risposte al comando russo alla base di Chmeim. Per quanto riguarda le minacce nei confronti degli aerei russi, raccomandiamo ai singoli rappresentanti del comando centrale americano di filtrare i pensieri e concentrarsi sulla distruzione dei terroristi dell'ISIS in Iraq, e non provocare incidenti in aria", ha sottolineato, aggiungendo che le dichiarazioni dei rappresentanti dell'esercito degli USA secondo cui in Siria ci sia uno spazio aereo americano, suscita delle perplessità.

"A differenza della Russia, l'aviazione della "coalizione internazionale" guidata dagli USA agisce in Siria illegalmente. I rappresentanti del Pentagono devono ricordare che la Siria è uno stato sovrano e membro delle Nazioni Unite, non c'è nessun "loro" cielo e non può esserci", ha sottolineato.

Correlati:

Pentagono rivela il numero dei soldati americani rimasti in Siria
L'obiettivo dell'attacco israeliano in Siria alla base militare dell'Iran
Basi militari USA e NATO nei territori di Turchia e Siria
Tags:
aerei, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik