20:58 24 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
19210
Seguici su

La leadership palestinese, dopo la decisione del presidente Donald Trump, che ha riconosciuto Gerusalemme come capitale di Israele non accetterà alcuna delegazione USA o il vice-presidente Mike Pence, in quanto ritiene la decisione una dichiarazione di guerra ai palestinesi.

Lo ha detto a Sputnik un membro del comitato esecutivo dell'Organizzazione per la liberazione della Palestina, l'OLP, Vassel Abu-Yoseef.

"Sicuramente, la delegazione americana non è la benvenuta in tutto il territorio palestinese occupato, compreso il vice-presidente Pence. Dopo questa decisione i negoziati con gli USA non sono più in corso, può essere considerata come una dichiarazione di guerra contro il popolo palestinese e le sue autorità" ha detto il rappresentante dell'OLP.

Mercoledì scorso, il presidente Donald Trump ha annunciato il riconoscimento di Gerusalemme come capitale di Israele e la decisione di trasferire l'ambasciata americana. In precedenza è stato riferito che Trump presto manderà Pence in Medio Oriente per combattere il terrorismo.

Correlati:

Ad Istanbul smantellati cartelli che mostravano il nome di Trump
Via libera dei giudici al decreto migratorio di Trump
Trump: gli USA hanno vinto due guerre mondiali e hanno messo il comunismo in ginocchio
Tags:
riconoscimento, Palestina
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook