11:56 20 Gennaio 2018
Roma+ 10°C
Mosca-9°C
    Israele e Palestina

    La Palestina ritiene la decisione USA su Gerusalemme una dichiarazione di guerra

    © AP Photo/
    Mondo
    URL abbreviato
    20210

    La leadership palestinese, dopo la decisione del presidente Donald Trump, che ha riconosciuto Gerusalemme come capitale di Israele non accetterà alcuna delegazione USA o il vice-presidente Mike Pence, in quanto ritiene la decisione una dichiarazione di guerra ai palestinesi.

    Lo ha detto a Ria Novosti un membro del comitato esecutivo dell'Organizzazione per la liberazione della Palestina, l'OLP, Vassel Abu-Yoseef.

    "Sicuramente, la delegazione americana non è la benvenuta in tutto il territorio palestinese occupato, compreso il vice-presidente Pence. Dopo questa decisione i negoziati con gli USA non sono più in corso, può essere considerata come una dichiarazione di guerra contro il popolo palestinese e le sue autorità" ha detto il rappresentante dell'OLP.

    Mercoledì scorso, il presidente Donald Trump ha annunciato il riconoscimento di Gerusalemme come capitale di Israele e la decisione di trasferire l'ambasciata americana. In precedenza è stato riferito che Trump presto manderà Pence in Medio Oriente per combattere il terrorismo.

    Correlati:

    Ad Istanbul smantellati cartelli che mostravano il nome di Trump
    Via libera dei giudici al decreto migratorio di Trump
    Trump: gli USA hanno vinto due guerre mondiali e hanno messo il comunismo in ginocchio
    Tags:
    riconoscimento, Palestina
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik