12:55 26 Giugno 2019
Mikheil Saakashvili

Saakashvili ha annunciato lo sciopero della fame in carcere

© Sputnik . Iliya Pitalev
Mondo
URL abbreviato
230

L'ex presidente della Georgia, Mikhail Saakashvili, ha annunciato l'inizio dello sciopero della fame, ha riferito il suo avvocato Ruslan Chernoluzkij.

Venerdì sera tardi si è appreso che Saakashvili è stato arrestato dagli agenti di polizia ed è stato portato in un centro di detenzione temporanea di sicurezza ucraino.

"Saakashvili annuncia l'inizio dello sciopero della fame a tempo indeterminato, dice che rifiuta di essere alimentato forzatamente. Nel caso in cui sarà adottata una misura di prevenzione, l'arresto di 60 giorni, continuerà fermamente lo sciopero della fame" ha detto l'avvocato nei pressi della struttura, il discorso è stato trasmesso dalla tv ucraina.

Saakashvili è stato arrestato venerdì nel quartiere Solomenskiy a Kiev. Il procuratore generale dell'Ucraina in tribunale chiederà misure di prevenzione come gli arresti domiciliari e braccialetto elettronico. Secondo il portavoce del procuratore generale Larisa Sargan, l'udienza si terra sabato. Le prime indagini sull'oppositore sono terminate, i suoi sostenitori hanno intenzione di rimanere nei pressi del carcere e montare tende per sostenerlo.

In precedenza, martedì, Saakashvili è stato arrestato nell'ambito di un procedimento penale contro organizzazioni criminali, per aver nascosto le loro attività criminali. Tuttavia, i sostenitori hanno fermato le forze dell'ordine, dopo sono andati al centro di Kiev per chiedere l'impeachment del presidente Petro Poroshenko. Mercoledì le forze dell'ordine sono andate alla tendopoli di Saakashvili, ma i suoi sostenitori  hanno opposto resistenza.

Correlati:

Caos a Kiev: arrestato e poi liberato dai suoi sostenitori Saakashvili va verso Parlamento
Saakashvili corona la sua “impresa”: in modo rocambolesco entra in Ucraina
Saakashvili denuncia rapimenti ed espulsioni dei suoi collaboratori dall'Ucraina
Tags:
indagine, Mikhail Saakashvili, Ucraina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik