09:10 17 Dicembre 2017
Roma+ 3°C
Mosca+ 8°C
    Eugenia Medvedeva

    La pattinatrice Medvedeva parla al CIO

    © Sputnik. Alexander Vilf
    Mondo
    URL abbreviato
    12440

    La due volte campionessa del mondo, la pattinatrice Eugenia Medvedeva, ha parlato alla riunione del Comitato Olimpico Internazionale, nel giorno della decisione dell'esclusione della Russia dai Giochi Olimpici invernali del 2018.

    "Grazie per avermi dato la possibilità di parlarvi a nome degli atleti russi. Fino alla fine vi chiedo di non prestare attenzione alle notizie negative relative agli atleti russi. Pensavo che gli atleti russi "puliti", non avessero niente di cui preoccuparsi. Se qualcuno davvero ha commesso una violazione delle regole dell'antidoping, noi non abbiamo niente a che fare con questo" ha detto Medvedeva.

    La pattinatrice ha detto che nel 2014, durante i Giochi di Sochi aveva solo 14 anni e non era nella nazionale del paese.

    "Per me personalmente Pyeongchang può diventare la prima occasione per immergermi nell'atmosfera unica dei Giochi Olimpici. Non capisco perché io e i miei compagni di squadra dobbiamo perderla. Non posso accettare di partecipare alle Olimpiadi senza bandiera della Russia, come atleta neutrale. Sono orgogliosa del mio paese, per me è un grande onore rappresentarlo ai Giochi, mi dà forza e mi ispira durante le prove" ha aggiunto l'atleta.

    Il 5 dicembre il CIO ha deciso di sospendere la Russia dalle Olimpiadi invernali, la Medvedeva lo ritiene ingiusto.

    Correlati:

    Sud Corea chiede agli USA di rinviare esercitazioni militari per le Olimpiadi invernali
    Organizzatori Olimpiadi in Corea del Sud spaventati da test missilistico di Pyongyang
    Squadra olimpica russa potrebbe essere ammessa alle Olimpiadi 2018 senza inno
    Tags:
    Olimpiadi 2018, CIO, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik