17:52 16 Dicembre 2017
Roma+ 12°C
Mosca+ 5°C
    Combattente del Daesh (foto d'archivio)

    USA avvertono del ritorno in Europa di migliaia di combattenti dell'ISIS

    © REUTERS/ Stringer/Files
    Mondo
    URL abbreviato
    1308

    Circa 26mila combattenti dello "Stato Islamico" possono trovare rifugio nei Paesi europei dopo la sconfitta delle forze islamiste in Iraq e in Siria. Lo segnala il Daily Express riferendosi al generale americano Ryan Dillon, direttore del dipartimento diplomatico della Coalizione internazionale contro l'ISIS presso l'Ambasciata americana a Londra.

    Secondo Dillon, si sta lottando senza tregua contro i terroristi, tuttavia gli islamisti sono ancora nelle condizioni di far danni in Europa, in particolare in Gran Bretagna e Francia. Questa settimana sono stati catturati jihadisti mentre tentavano di varcare i confini del Vecchio Continente. Non è stato chiarito il loro numero.

    "Non hanno più l'esercito del 2014", ha spiegato Dillon, aggiungendo allo stesso tempo che questo "non significa la fine dell'ISIS".

    Dillon ha aggiunto che desta preoccupazione il fatto che queste persone si limitano solo a ritornare nei Paesi che avevano lasciato per combattere in Medio Oriente, ma potrebbero proseguire la loro Jihad perpetrando attacchi terroristici.

    Correlati:

    Allarme dal Belgio: 5mila jihadisti di ISIS possono tornare in Europa
    “Stanno ritornando centinaia di jihadisti che avevano lasciato l'Europa”
    Associated Press: 400 jihadisti del Daesh in Europa
    Tags:
    Terrorismo, Società, Sicurezza, crisi in Siria, Daesh, Coalizione USA anti ISIS, Ryan Dillon, Medio Oriente, Europa, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik