09:04 17 Dicembre 2017
Roma+ 3°C
Mosca+ 8°C
    Freight train

    Interrompere i trasporti con Russia è un prezzo troppo alto per Kiev

    © Sputnik. Vitaliy Ankov
    Mondo
    URL abbreviato
    531

    Il politologo e membro dell’Associazione degli esperti e consulenti politici, Kirill Koktysh, in una intervista con RT ha commentato la dichiarazione del Ministro delle infrastrutture ucraino, Vladimir Omelyan, secondo la quale si vorrebbero interrompere i collegamenti di autobus e treni con la Russia.

    "Si tratta di una classica dichiarazione fatta dal governo ucraino in appoggio alla politica attuale. Si può tranquillamente ignorare. Kiev vuole diminuire volutamente i collegamenti tra i cittadini ucraini e russi. E quando non avviene nulla in maniera automatica allora la situazione peggiora. È un altra questione invece bloccare il trasporto su gomma e ferroviario tra i due paesi in quanto il costo per una mossa del genere sarebbe troppo alto per l'Ucraina. Questo perché significherebbe per essa diventare un paese prettamente agricolo, cosa che non soddisferebbe gli abitanti delle zone industriali. Ma è questa la politica che vuole realizzare il governo ucraino e non porterà certo ad un miglioramento delle relazioni bilaterali" ritiene Koktysh.

    L'esperto ritiene invece che l'idea di Omelyan potrebbe essere sostenuta dalla "popolazione delle province agricole che approvano l'attuale corso politico dell'Ucraina".

    In precedenza, il Ministro ucraino Vladimir Omelyan aveva annunciato la necessità di interrompere i trasporti su gomma e ferrovia con la Russia.

    Correlati:

    Esperti definiscono principali ostacoli all'attuazione delle riforme in Ucraina
    Consiglio della Federazione: esercitazioni USA e Ucraina in mar Nero sono una provocazione
    USA: continua la consegna di armi non letali all'Ucraina
    Ucraina ha pagato più soldi al FMI di quanti ne ha ricevuti
    Tags:
    Trasporto, Trasporti, Il Ministero per le Infrastrutture e Trasporti, Vladimir Omelyan, Ucraina, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik