19:12 02 Marzo 2021
Mondo
URL abbreviato
320
Seguici su

Israele non si sente minacciato dalla comparsa delle truppe russe ai suoi confini. Lo ha dichiarato il vice direttore generale del ministero degli Esteri dello stato ebraico Alexander Ben-Zvi.

Il premier russo Dmitry Medvedev la scorsa settimana ha incaricato il ministero della Difesa e il ministero degli Esteri di concordare con il Cairo la possibilità di condividere lo spazio aereo di Russia ed Egitto. L'accordo non si applica agli aeromobili che trasportano merci pericolose e agli aerei radar militari.

Il presidente sudanese Omar al-Bashir ha dichiarato a Sputnik che durante la sua visita a Sochi, il 23 novembre, ha discusso con il presidente russo Vladimir Putin la possibilità di creare una base militare russa sul Mar Rosso. Allo stesso tempo, al-Bashir ha sottolineato che la separazione del Sud Sudan nel 2011 è stata il risultato della politica statunitense. Egli ha notato che Mosca, come Khartoum, non approva l'interferenza di Washington negli affari interni dei paesi arabi.

Il Cremlino non ha rilasciato commenti sulle prospettive di creare una base militare in Sudan.

Correlati:

Israele rafforza potenziale missilistico nel Mar Mediterraneo
Israele, curdi, ISIS: cosa si deve aspettare la Siria di Assad nel 2018?
Netanyahu a Macron: Israele si trova pronto per attaccare obiettivi iraniani in Siria
Tags:
Cooperazione militare, Minaccia, accordo, esercito, Israele, Egitto, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook