04:21 19 Luglio 2018
Predicatore musulmano Fethullah Gulen accusato da parte delle autorità turche di aver orchestrato il golpe fallito

Turchia, Cavusoglu: sostenitori di Gulen infiltrati nel Congresso USA

© AP Photo / Selahattin Sevi, File
Mondo
URL abbreviato
530

I sostenitori del predicatore islamico Fethullah Gulen si sono infiltrati nel Congresso degli Stati Uniti, nel sistema giudiziario americano e nella missione diplomatica. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu.

"Sappiamo cosa sta cercando di fare la FETO (l'organizzazione di Gulen, ndr) negli Stati Uniti, diciamo apertamente agli americani che la FETO si è infiltrata nei loro ministeri, nei tribunali, nelle missioni diplomatiche statunitensi in Turchia e perfino al Congresso. Legalmente o illegalmente. Come combatteremo la FETO nel nostro paese, allo stesso modo non daremo pace a questi traditori in tutto il mondo, ovunque essi si trovino", ha detto il ministro in un discorso ad Antalya, citato dal quotidiano Milliyet.

Un gruppo di ribelli ha tentato un colpo di stato militare in Turchia nella notte del 16 luglio 2016. I principali scontri si sono svolti ad Ankara e Istanbul. La sommossa è stata soppressa, ma oltre 240 persone sono rimaste uccise e più di duemila ferite. Più di 50 mila persone sono state arrestate e 140 mila dipendenti pubblici sono stati licenziati.

Le autorità turche hanno accusato l'organizzazione del predicatore islamico Fethullah Gulen, la FETO, di essere coinvolta direttamente nel tentativo di colpo di stato. Lo stesso Gulen, che si trova negli Stati Uniti, ha condannato il colpo di stato e ha respinto le accuse.

Correlati:

Mosca risponde alle preoccupazioni della NATO sui lanciamissili S-400 russi in Turchia
In quali circostanze la Turchia potrebbe lasciare la NATO?
Siria, Lavrov: Russia, Turchia e Iran decideranno organizzazione Congresso per il Dialogo
Tags:
infiltrazioni, Dichiarazione, Congresso USA, Mevlüt Çavuşoğlu, Fethullah Gülen, USA, Turchia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik