02:10 16 Novembre 2019
L'ex comandante bosniaco croato Slobodan Pralyak ingerisce del veleno dopo il verdetto della commissione di appello del Tribunale dell'Aia.

Jugoslavia, tutte le vittime del tribunale dell’Aia

© REUTERS / ICTV
Mondo
URL abbreviato
18216
Seguici su

L’ex generale dell'esercito croato Slobodan Praliak è il tredicesimo imputato del tribunale dell’Aia la cui morte è legata all’organo giudiziario. In quasi venticinque anni di lavoro, il tribunale per l’ex Jugoslavia è stato – in un modo o nell’altro – teatro della morte dei suoi imputati.

Prima di Pralyaka, si era suicidato all'Aia l'ex leader della repubblica serba (non riconosciuta) di Krajina, Milan Babic, il 5 marzo 2006. Il tribunale ha confermato il suicidio, ma non ha confermato che Babich si è impiccato.

L'11 aprile 2002, l'ex ministro dell'Interno della Serbia Vlajko Stojiljkovic si è sparato alla testa nei pressi del Parlamento dell'allora Repubblica Federale di Jugoslavia dopo l'approvazione della legge in materia di cooperazione con il Tribunale dell'Aja.

Il 29 giugno 1998 Slavko Dokmanovic, ex sindaco della città croata di Vukovar, si è impiccato in una cella.

La morte più misteriosa è quella dell'ex presidente jugoslavo Slobodan Milosevic. Egli è morto — senza essere stato condannato — in seguito ad un attacco cardiaco l'11 marzo 2006, mentre si trovava in carcere. In una lettera al ministero degli Esteri russo pochi giorni prima della sua morte, Milosevic si è lamentato che un antibiotico usato per curare la tubercolosi e la lebbra è stato trovato nel suo sangue. "Ma non ho mai preso antibiotici per cinque anni di carcere", ha scritto l'ex presidente jugoslavo. A tal proposito è stata formulata una teoria del complotto che sostiene che sia stato il tribunale ad uccidere Milosevic, perché si era reso conto che il sistema di prove stava collassando.

Prima del verdetto sono morti anch e l'ex sindaco di Prijedor, Milan Kovacevic, per la rottura dell'aorta il primo agosto 1998; e Zdravko Tolimir, ex capo dello stato maggiore dell'esercito della Repubblica Srpska, morto in carcere a Schevingen il 9 febbraio dello scorso anno.

Il 16 agosto 2015 è morto l'ex comandante supremo dell'esercito della repubblica serba di Krajina Mile Mrkic.

L'ex presidente della repubblica serba di Krajina, Goran Hadzic, è morto al Centro Clinico della Vojvodina il 12 luglio dello scorso anno per un cancro al cervello. Due giorni dopo il tribunale dell'Aja ha preteso dal governo della Serbia un certificato di morte.

Il generale dell'esercito della repubblica Srpska Djordje Djukic è stato rilasciato da Scheveningen nell'aprile del 1996 perché malato di cancro: morì un mese dopo presso l'Accademia Medica Militare di Belgrado. Nel 2003 il generale dell'esercito della Repubblica Srpska, Momir Talic, è morto nella stessa clinica. Nel 2013un altro generale della RS, Milan Gvero, è morto qui.

Non sono morti solo gli imputati, ma anche 19 testimoni nel processo a ex militanti del Kosovo.

Il testimone chiave per la difesa l'ex comandante dell'esercito serbo-bosniaco generale Dusan Dunjic è stato trovato morto in un hotel all'Aia il 22 ottobre 2015, il giorno in cui avrebbe dovuto testimoniare. Come riportato più tardi dal tribunale "è morto per ragioni naturali". Tuttavia, secondo gli avvocati di Mladic, Dunich era assolutamente in salute e non si lamentava di nulla.

 

Correlati:

Generale croato si avvelena al tribunale dell'Aia e muore (VIDEO)
Il Tribunale dell'Aia condanna Ratko Mladic all'ergastolo per genocidio
Si è aperto il processo alla Corte dell’Aia tra Ucraina e Russia
Tags:
morte, Tribunale penale internazionale per l'ex-Jugoslavia, Jugoslavia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik