22:48 25 Febbraio 2018
Roma0°C
Mosca-15°C
    Il carro armato T-35

    "Il tozzo svedese" contro il "disco volante": I più strani carri armati del mondo

    © Sputnik. Pavel Lisitsin
    Mondo
    URL abbreviato
    0 100

    Mobilità, sicurezza, attrezzature: ecco le caratteristiche principali di ogni moderno carro armato. Deve cambiare rapidamente posizione, colpire in modo efficace a una distanza massima e continuare a tenere sotto tiro il nemico.

    Tutti gli esperti nella progettazione dei carri armati per decenni hanno cercato di ottenere la "sintesi" tra questi tre indicatori. E poiché l'idea del progetto in diversi paesi è stata sviluppata in modo sempre diverso, a volte, i risultati ottenuti sono stravaganti. Sputnik pubblica una selezione dei più strani e insoliti carri armati nel mondo.

    Quello con più torri

    Il carro armato pesante T-35, progettato nel 1931 e 1932, da ingegneri sovietici sotto la guida di Nicolaj Barykov, è diventato il primo corazzato sovietico di classe pesante. Le caratteristiche costruttive di questo mostro di acciaio di 50 tonnellate resero le torrette di moda. Il T-35 ha ben cinque torri, che permettono di sparare fuoco in tutte le direzioni contemporaneamente da tre canne, una calibro 76,2 millimetri, due da 45 millimetri, e ha sei mitragliatrici di 7,62 millimetri di diametro DT. A guidare il carro armato e il suo armamento era una "squadra di calcio": undici persone! Di più ce n'erano solo sui carri tedeschi A7V ai tempi della Prima guerra mondiale, con 18 ufficiali e soldati.

    Il carro armato pesante T-35
    © Sputnik. Grygory Sisoev
    Il carro armato pesante T-35

    Purtroppo, in condizioni di combattimento, si è rivelato modesto. Fino al 1941, i T-35, hanno partecipato solo alle esercitazioni e alle sfilate, interpretando tutta la potenza delle forze corazzate dell'armata Rossa. Tuttavia, questi carri, circa 50 unità, sono stati persi nella prima fase della Grande guerra Patriottica, all'inizio dell'invasione, prima della Battaglia di Mosca. I carri, forti solo sulla carta, non si sono assolutamente rivelati adatti per il combattimento reale. In primo luogo, il comandante, fisicamente, non riusciva a coordinare il fuoco con tutte le armi. In secondo luogo, il serbatoio era troppo ingombrante ed è stato facile bersaglio per il nemico. In terzo luogo, nonostante l'enorme massa, non era a prova di proiettile. In quarto luogo, il T-35 si muoveva a "passo di lumaca", a  8-10 chilometri all'ora. In quinto luogo, il serbatoio ha dimostrato di essere molto "lunatico" tecnicamente. La stragrande maggioranza dei T-35 dell'esercito è andata distrutta per i guasti. Dopo questi incidenti, l'uso di questa formidabile, bella, ma inutile macchina è stato archiviato dalla leadership sovietica.

    Il più tozzo

    Il diretto contrario sovietico  del T-35 è diventato lo svedese Stridsvagn 103, o Strv.103. Questo mezzo è l'unico rappresentante della classe di carri armati VLT senza torre. Con 105 millimetri di canna L74 rigidamente fissata davanti, il suo orientamento avviene orizzontalmente, il serbatoio ruota intorno all'asse di rotazione, in verticale se pratica l'abbassamento, con un sistema elettroidraulico di sospensione. Questa insolita struttura del serbatoio rende il carro il più tozzo, con un'altezza di 214 centimetri. In questo modo, lo Strv.103 è più basso dei comuni Gazzel.

    Il carro armato Strv.103
    Il carro armato Strv.103

    La tozza sagoma del serbatoio è perfettamente adatta alle imboscate, ben mascherato, il carro è difficile da individuare anche da vicino. Tuttavia, il serbatoio dello Strv.103 diventava completamente inutile in caso di danni al telaio. Tuttavia "il tozzo svedese" è rimasto in servizio dal 1966 fino al 1990, quando è stato sostituito dal Leopard 2.

    Il più pratico

    Negli anni della guerra fredda, sia URSS che USA, hanno cercato di creare un carro pesante, capace di combattere anche nel bel mezzo di un'esplosione nucleare. Ma per entrambi i paesi le cose non sono andate oltre la costruzione del prototipo. L' "oggetto 279" sovietico, progettato a Leningrado sotto la guida del leggendario costruttore di veicoli Iosef Kotin dal 1959, ancora oggi colpisce l'immaginazione per il suo aspetto insolito. In primo luogo, il corpo del serbatoio ha una curva forma "allungata" fino all'ellissoide, ed esternamente è come se sul mezzo ci fosse un "disco volante". Tale soluzione costruttiva avrebbe impedito il ribaltamento del serbatoio con l'onda d'urto di un'esplosione nucleare. In secondo luogo, il mezzo ha un telaio con quattro nastri cingolati, non comune per un serbatoio.

    L' oggetto 279
    © Sputnik.
    L' "oggetto 279"

    Questa soluzione ha permesso all' "oggetto 279" di superare tratti invalicabili per gli altri carri armati. Con facilità si muove sulla neve e nella palude. Tuttavia, la produzione dell'"oggetto 279" non è andata avanti. Tra i suoi svantaggi ci sono le manovre difficili, la difficoltà di manutenzione e di riparazione, l'impossibilità di ridurre l'altezza totale del serbatoio e una complessa produzione. L'unica copia di questo mezzo è stata presentata all'esposizione del museo Centrale dei veicoli militari a Kubinka.

    Il più intelligente

    Una simile sorte è toccata al curioso progetto americano di carro resistente alle armi di distruzione di massa. Il 25esimo Chrysler TV-8 non è mai stato prodotto in massa ed è esistito solo come modello, fornito solo di alcuni sistemi. Gli ideatori di questo carro hanno pensato a una costruzione complessa. In primo luogo, la macchina funzionava con il motore a vapore, che creava il calore di un piccolo reattore nucleare. In secondo luogo, a differenza della maggior parte dei carri armati, dove la squadra si trova all'interno, la torre rotante si trovava al di sopra con l'intero equipaggio, con mitragliatrici e motore. In terzo luogo, l'equipaggio TV-8 doveva andare sul campo di battaglia con videocamere esterne. In quarto luogo, il miracolo di ingegneria poteva affrontare territori marini.

    Chrysler TV-8
    Chrysler TV-8

    La società Chrysler non ha apprezzato l'innovazione dei militari, il progetto è stato riconosciuto come troppo complicato per la produzione, la sua capacità di combattimento ritenuta insufficiente e il 23 aprile 1956 il progetto TV-8 è stato chiuso.

    Il più veloce

    Il carro armato leggero francese AMX13, progettato tra il 1946 e il 1949, era molto insolito per la cosiddetta torre oscillante. Tradizionalmente questa parte del mezzo da combattimento è un pezzo girevole, in cui l'arma per l'orientamento in verticale usa un'installazione mobile sulle assi. La torre del carro AMX-13 si compone di due parti, un'anta inferiore e oscillante e la sua parte superiore, in cui ci sono i mezzi armati. Il principale vantaggio della torre è l'immobilità sulla parte superiore, che consente di utilizzare un semplice meccanismo di ricarica.

    AMX-13
    AMX-13

    Correlati:

    Siria: avvistato misterioso carro armato gettaponte
    Poroshenko elogia ammodernamento del carro armato T-72A
    Il carro armato T-14 "Armata"
    Siria: carro armato T72M1 ha resistito a missile americano
    Tags:
    Carri armati, Mondo
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik