19:07 21 Ottobre 2018
Oliver Stone

Oliver Stone: i media occidentali si rifiutano di scrivere la verità sulla Russia e Putin

© Sputnik . Grigoriy Sisoev
Mondo
URL abbreviato
17540

Il regista americano Oliver Stone, in un'intervista al quotidiano francese Le Figaro, ha affermato che il presidente russo non ha nulla a che fare con l'immagine disegnata dai media americani.

Stone si è scagliato contro i media americani, che, a suo parere, si rifiutano riportare la realtà su Putin e la Russia.

"Non ho mai letto un singolo articolo sulla Russia su questi giornali, che rispecchiasse almeno la realtà che ho studiato e visto con i miei occhi", ha detto Stone.

Secondo il regista, nella sua intervista ha dato la possibilità al presidente russo di raccontare la propria visione dei fatti che hanno influenzato lo sviluppo delle relazioni russo-americane dal 1990 — una visione che i media occidentali ignorano.

"Putin promuove incessantemente il rispetto del diritto internazionale come unico strumento in grado di garantire la stabilità dell'ordine mondiale e mantenere la pace in tutto il mondo. Parla costantemente di questo, eppure è invariabilmente un cattivo", ha spiegato Stone.

Egli ha duramente criticato la decisione degli Stati Uniti di imporre sanzioni economiche alla Russia dopo lo scoppio delle ostilità nell'est dell'Ucraina. Stone pensa che lo scopo di queste sanzioni sia dividere l'Europa e indebolire i suoi legami commerciali con la Russia per tenerla nel "lager" della NATO.

Il regista è convinto che la guerra fredda sia un'invenzione dalla propaganda americana al fine di terrorizzare il proprio popolo e giustificare la crescita dell'industria bellica, che ora porta minacce in tutto il mondo. Tali minacce, secondo Stone, sono sostenute non solo dal potere militare degli Stati Uniti, ma anche dal fatto che i suoi servizi di intelligence sono ora dotati di un potere senza precedenti.

"Se il caso di Snowden dimostra qualcosa, è che gli Stati Uniti hanno orecchie ovunque che seguono i dibattiti politici e cercano di controllare le elezioni. Le dichiarazioni sull'interferenza russa mi fanno ridere ", ammette il regista.

Secondo lui, la colpa del collasso della democrazia americana non è della Russia ma degli stessi Stati Uniti, con il loro sistema elettorale, basato sui voti dei grandi elettori invece che sul voto popolare.

Correlati:

Oliver Stone condanna l'inasprimento delle sanzioni contro la Russia
Oltre 5 milioni di russi davanti la tv per l'intervista di Oliver Stone a Putin
Stone: mio figlio lavora ad RT e non è un agente russo
Tags:
verità, guerra fredda, propaganda, Media, Oliver Stone, Vladimir Putin, Russia, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik