18:54 15 Dicembre 2017
Roma+ 15°C
Mosca+ 2°C
    Bandiera siriana

    Analista militare russo valuta prospettive su annientamento ISIS in Siria

    © REUTERS/ Omar Sanadiki
    Mondo
    URL abbreviato
    3240

    I combattenti del Daesh rimasti nell'est della Siria saranno completamente annientati entro la fine di quest'anno, ha dichiarato a RIA Novosti l'analista militare russo, il colonnello Viktor Murakhovsky, direttore della rivista "Arsenale della Patria".

    In precedenza il ministero della Difesa russo aveva comunicato che a breve la parte occidentale dell'Eufrate sarebbe stata completamente liberata, mettendo così fine all'operazione per sradicare la presenza dell'ISIS nell'est della Siria.

    "Non si può dire che i combattenti del Daesh rimasti si possano eliminare nel giro di pochi giorni. Ci vorranno 2-3 settimane, forse un mese, ma sono sicuro che entro la fine di quest'anno la questione sarà risolta", ha detto Murakhovsky.

    L'analista ha chiarito che gli islamisti rimasti sul campo di battaglia sono divisi in diversi gruppi senza un comando centrale, pertanto il compito risulta più semplice.

    Ha inoltre osservato che il numero dei combattenti non supera di poche centinaia e forse un migliaio di persone.

    "Non hanno pressochè mezzi pesanti. Anche l'artiglieria è quasi andata, hanno solo qualche "jihad-mobile"," ha concluso Murakhovsky.


    Correlati:

    Netanyahu: tentativi iraniani di ottenere un punto d'appoggio in Siria sono inaccettabili
    Siria, la Marina russa usa per la prima volta Su-33 e MiG-29K in combattimento
    Esperto militare: Russia potrebbe lasciare squadriglia d’aviazione in Siria
    Lo stato maggiore annuncia la necessità di consolidare il successo militare in Siria
    USA pronti a "combattere per la giustizia" in Siria senza le Nazioni Unite
    Tags:
    Difesa, Sicurezza, Terrorismo, raid della Russia in Siria, Esercito della Siria, ministero della Difesa della Federazione Russa, Daesh, Russia, Siria
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik