06:14 19 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
984
Seguici su

Le concentrazioni di rutenio-106 in Europa non hanno superato i valori limite. Lo ha affermato il vice capo della AIEA Mikhail Chudakov.

Chudakov ha detto che sono state osservate piccole concentrazioni di isotopo di rutenio. Tuttavia, non hanno superato i valori consentiti. La fonte della dispersione non è stata ancora trovata. Il centro di crisi dell'AIEA ha chiesto a diversi paesi se hanno informazioni su possibili fonti di isotopi radioattivi. Chudakov non ha commentato le informazioni sull'innalzamento del livello del rutenio negli Urali meridionali, dal momento che non possiede tali informazioni.

In precedenza, il capo di Roshydromet Maxim Yakovenko ha affermato che il sistema di monitoraggio ha registrato un aumento della concentrazione di rutenio-106, non solo in Russia, ma anche in altri paesi: Polonia, Romania, Bulgaria, Ucraina. Allo stesso tempo, le concentrazioni in Romania erano quasi due volte più alte che in Russia. Yakovenko ha sottolineato che la concentrazione di rutenio-106 non ha superato i valori limite.

"Per quanto riguarda la fonte del rilascio, non la cerchiamo per un semplice motivo: cosa cercare quando non c'è pericolo" ha detto.

Nel frattempo, l'insegnante del dipartimento di fisica di una delle università di Chelyabinsk in anonimato ha dichiarato ai giornalisti che il rilascio di rutenio potrebbe avere origine cosmica. Nella regione di Chelyabinsk, non ci sono fonti che potrebbero rilasciare puro rutenio. Secondo lui, un satellite potrebbe essere bruciato nell'atmosfera.

Da parte sua, Rosatom ha riferito che non ci sono stati incidenti o avarie nelle sue strutture. La Mayak ha anche affermato che l'impresa non è una fonte di aumento del contenuto di rutenio-106 nell'atmosfera. E i dati di Roshydromet ci permettono di concludere che la dose che potrebbe essere assorbita da una persona è 20mila volte inferiore alla dose annuale ammissibile.

Un portavoce del Centro di Orenburg per l'idrometeorologia e il monitoraggio ambientale ha dichiarato a Sputnik che nessun inquinamento dell'atmosfera con un isotopo radioattivo è stato registrato nella regione di Orenburg. Né Orenburg, né Orsk, né Mednogorsk hanno registrato radiazioni di rutenio-106.

Correlati:

Scienziati russi e giapponesi: studio congiunto su radiazioni ereditarie
Nessun rischio radiazioni per incendi boschivi a Chernobyl
Roshydromet trova rutenio-106 negli Urali e nella regione del Volga
Tags:
Inquinamento, inquinamento, Satellite, AIEA, Roscosmos, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook