21:03 06 Aprile 2020
Mondo
URL abbreviato
332
Seguici su

Se tale studio finale dovesse confermare che non c'è acqua su Marte, la teoria dell'esistenza della vita microbiologica sul pianeta rosso potrebbe perdere credibilità.

Circa due anni fa nelle immagini di Marte sono state osservate strisce scure di larghezza da uno e mezzo a cinque metri, che gli astronomi hanno identificato come torrenti. Questa teoria è stata poi confermata dalla NASA, affermando che le strisce scure sono acqua che fuoriesce da sotto la superficie del pianeta.

Ma qualche  giorno fa è stata fatta una scoperta sorprendente: si è scoperto che i torrenti non sono realmente acqua, ma il risultato di un flusso di particelle secche e granulari. Tale affermazione è stata fatta dagli scienziati, dopo aver pubblicato un articolo sulla rivista Nature Geoscience.

Nel loro studio, gli astrofisici hanno analizzato più di 151 strisce in 10 dei 50 siti di osservazione e hanno scoperto che le bande appaiono solo su pendenze con un angolo superiore a 27 gradi e terminano bruscamente quando raggiungono l'angolo della pendenza.

Questo è simile al movimento della sabbia asciutta, e questo fenomeno viene osservato sulla Terra, hanno osservato gli scienziati. Secondo il lavoro scientifico, le strisce scure sono molto probabilmente il risultato di ripetute frane di sabbia e polvere sulle dune di Marte.

L'unica cosa che i ricercatori non possono spiegare fino ad oggi è quanta sabbia viene deve cadere per provocare nuove frane. Ma gli esperti hanno detto che ci sono diverse teorie ancora da elaborare.

Se la dichiarazione degli scienziati viene confermata, allora rimetterà in discussione la teoria secondo cui su Marte potrebbe esserci una vita microbiologica. Ma gli astronomi devono ancora dimostrare la loro assunzione, dal momento che ora ci sono molte questioni irrisolte.

Ad esempio, perché le frane compaiono allo stesso tempo quando cambiano le stagioni e scompaiono anche rapidamente? E da dove vengono le tracce di acqua salata, scoperte dai ricercatori della NASA nel 2015?

Una cosa è chiara: il problema con le strisce scure di Marte non è ancora concluso e occorre effettuare ulteriori ricerche.

Correlati:

Come potrebbero vivere i primi coloni su Marte
Scienziati identificano nuova minaccia per astronauti in missione su Marte
Più di 60mila russi inviano proprio nome su Marte
Esperti della NASA spiegano i pericoli delle basi sulle lune di Marte
Tags:
Pianeta, Marte, Marte, Acqua, NASA, Marte
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook