20:37 03 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
1220
Seguici su

I caccia navali Su-33 e MiG-29K sono stati coinvolti per la prima volta nella storia della Marina militare russa in un'operazione militare in Siria. Lo ha annunciato il comandante della Flotta del Nord Nikolai Evmenov.

Facendo il punto dell'anno accademico che si sta chiudendo, Evmenov ha detto al Consiglio militare che gli obiettivi principali sono stati la lunga marcia verso il Mar Mediterraneo e le operazioni militari contro i terroristi in Siria.

"Per la prima volta nella storia della Marina russa nelle operazioni di combattimento sono stati coinvolti i caccia navali Su-33 e MiG-29K, che hanno attaccato i terroristi dal ponte della portaerei", ha spiegato Evmenov.

Egli ha aggiunto che alle operazioni navali contro i terroristi in Siria hanno partecipato, oltre alla portaerei "Admiral Kuznetsov", l'incrociatore "Potr Veliky", le navi anti-sommergibile "Severomorsk" e "Vitse Admiral Kulakov", le navi anfibie"Georgiy Pobedonosets" e "Alexander Otrakovsky", le navi cisterna "Sergey Osipov", "Dubna" e "Kama", le navi di soccorso "Nikolay Chiker", "Altai", "Pamir" e altre imbarcazioni di appoggio.

Correlati:

Siria, Usa bloccano progetto dichiarazione su attentato ambasciata russa
Siria, Lavrov: Russia, Turchia e Iran decideranno organizzazione Congresso per il Dialogo
Siria, il nodo della partecipazione dei curdi al tavolo dei negoziati
Tags:
attacco, Operazioni militari, caccia, Marina militare, Flotta del Nord, Siria, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook