Widgets Magazine
01:55 21 Luglio 2019
Josif Broz Tito

La Jugoslavia avrebbe potuto realizzare la bomba atomica entro il 1980

© AP Photo / Giulio Broglio
Mondo
URL abbreviato
763

La Jugoslavia di Josif Broz Tito già alla metà degli anni ’70 aveva tutto il necessario per entrare nel “club nucleare”. Aveva anche abbastanza riserve di uranio. Cosa è andato storto? Lo ha comunicato a Sputnik il professore invitato a San Francisco Filip Kovacevic.

A febbraio 2016 Kovacevic si è rivolto alla CIA con la richiesta di ottenere l'accesso ai documenti legati al programma nucleare della Jugoslavia. Un anno dopo il professore ha ricevuto 84 pagine di documentazione, con una lettera nella quale si specificava che alcuni dati non potevano essere consegnati per questioni di sicurezza nazionale.

"Nei documenti si comprende che subito dopo la seconda guerra mondiale la Jugoslavia iniziò a collaborare con gli Stati Uniti per sviluppare un programma nucleare, inviò degli studenti a studiare le discipline necessarie presso le università americane. Nel 1952 in cooperazione con gli scienziati della società geologica americana sul territorio jugoslavo furono trovati due ricchi giacimenti d'uranio, in Slovenia e Macedonia. In uno dei documenti, da luglio 1979, si dichiara che solo il giacimento in Slovenia avrebbe potuto produrre 300.000 tonnellate di uranio all'anno, abbastanza per produrre 300 tonnellate di ossido di uranio" dice Kovacevic.

Secondo l'interlocutore di Sputnik dai documenti della CIA si comprende che i servizi segreti americani erano perfettamente a conoscenza del programma nucleare jugoslavo, al punto che possedevano una fitta rete di informatori nelle istituzioni del paese. Ma secondo Kovacevic, gli USA non potevano influenzare le decisioni dei politici più importanti della Jugoslavia.

"I documenti mostrano come le autorità jugoslave collaborassero ora con l'occidente ora con l'oriente solo nel momento in cui queste cooperazioni rispondessero agli interessi diretti di Belgrado. Quando gli americani si rifiutavano di dare qualcosa alla Jugoslavia, questa si rivolgeva ai sovietici, e vice versa. Alla fine degli anni 70 la Jugoslavia firmò un contratto con la compagnia americana Westinghouse per la costruzione della prima e unica centrale nucleare in Jugoslavia, in Slovenia. Al progetto erano interessate anche le compagnie sovietiche. Era un gioco complesso che finché era vivo Tito fu portato alla perfezione" ritiene l'esperto.

Dai documenti della CIA si evince che per 20 anni Belgrado fece dei grandi passi verso il "club nucleare". Se nel 1958 gli americani ritenevano che la Jugoslavia non avesse il potenziale per la realizzazione di una propria bomba nucleare, dal dicembre 1975 nei documenti analizzati si dice l'opposto. Come specifica l'interlocutore di Sputnik, nel documento dal nome "Le prospettive di una ulteriore espansione (proliferazione) di armi nucleari" contiene tale conclusione: la Jugoslavia può realizzare la bomba atomica prima del 1980.

"Una ricerca scientifica segreta indica come la Jugoslavia possedesse le abilità e le risorse necessarie per fare questo. Si indica che la Jugoslavia avrebbe dovuto stanziare ulteriori investimenti in impianti per l'arricchimento dell'uranio, e senza dubbio per la realizzazione delle armi per trasportare queste bombe. In altre parole la Jugoslavia avrebbe potuto creare una bomba atomica, ma a causa della malattia Tito non ricopriva più un ruolo  dominante, mentre gli altri membri del governo già non vedevano più il proprio ruolo all'interno della Jugoslavia, ma piuttosto nelle repubbliche che richiedevano l'indipendenza. Ritengo che la presenza di una bomba atomica avrebbe potuto salvare la Jugoslavia dal suo sanguinoso e crudele crollo" conclude Kovacevic.

Correlati:

Testata bomba atomica da militari americani senza testata nel Nevada
Russia-Cuba, accordo per cooperazione nell'uso pacifico dell'energia atomica
UFO contro i Mig, mistero nei cieli della Jugoslavia
Milosevic scagionato dal Tribunale penale internazionale per Jugoslavia. E nessuno lo dice
Tags:
Industria atomica, Nucleare, Difesa nucleare, bomba atomica, programma nucleare, nucleare, indagine, CIA, Jugoslavia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik