Widgets Magazine
09:11 18 Agosto 2019
Migranti in arrivo all'isola greca di Lesbo

Grecia: manifestanti chiedono di liberare isola di Lesbo dagli immigrati

© REUTERS / Dimitris Michalakis
Mondo
URL abbreviato
280

I cittadini greci scendono in strada per esprimere il loro dissenso con la politica migratoria dell'Unione Europea e del governo greco; nell'isola greca di Lesbo hanno iniziato le proteste contro un numero crescente di migranti, il sito web Trtworld.com riportato il 21 novembre.

I manifestanti scendono in piazza per esprimere il loro disaccordo con la politica migratoria dell'Unione europea e del governo greco.

Le proteste hanno già portato alla chiusura dei negozi, fermando il lavoro delle autorità municipali. É stato riferito anche di una manifestazione nella piazza centrale di Mytilini, il capoluogo dell'isola di Lesbo.

Nei loro discorsi i cittadini esortano a traferire parte degli immigrati clandestini dagli affollati campi profughi nella Grecia continentale. Ma Atene non agisce, rispettando l'accordo del 2016 tra l'Unione europea e la Turchia sui rifugiati. Il testo dell'accordo include una clausola che vieta agli immigrati clandestini di lasciare le isole nel Mar Egeo.

Ricordiamo che il 29 settembre IA REGNUM ha scritto che la Commissione Europea intende ammettere nell'UE almeno 50mila rifugiati provenienti da paesi come il Niger, il Sudan, l'Etiopia e il Ciad. A tutti i paesi che partecipano a questo progetto, Bruxelles promette di distribuire 10mila euro come incentivi per stimolare il programma.

Correlati:

Atene, russa non dichiara 2,3 milioni di euro ed è arrestata
Migranti, Atene: entro il 20 luglio sgombero del porto del Pireo ed ex aeroporto
Incerto il futuro di Atene nell'Ue, rinviato al 9 maggio summit dell'Eurogruppo
Crisi greca, la Troika torna ad Atene per un nuovo round di colloqui sul debito ellenico
Tags:
Immigrazione, Immigrazione clandestina, emergenza immigrazione, Immigrati, Immigrazione illegale, Immigrazione clandestina, immigrazione, UE, Grecia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik