01:45 13 Luglio 2020
Mondo
URL abbreviato
644
Seguici su

Degli scienziati svedesi sono giunti alla conclusione che a Chernobyl avvenne una debole esplosione nucleare. Gli specialisti hanno analizzato dei campioni di isotopi di xenon raccolti alla fabbrica di Cherepovets e hanno creato un modello meteorologico di diffusione di prodotti di una reazione nucleare. Lo riporta Nuclear Technology.

La catastrofe presso la centrale nucleare di Chernobyl avvenne il 26 aprile 1986 alle 01:23. I testimoni dichiarano che il quarto reattore della centrale fu distrutto da un'esplosione, e dopo pochi secondi un'esplosione più potente distrusse il secondo. Si pensa che l'incidente sia stato causato da un'esplosione del sistema di raffreddamento che causò una rapida evaporazione dell'acqua. Nel momento in cui l'acqua e il vapore iniziarono a reagire con lo zirconio negli elementi del combustibile iniziò a formarsi una grande quantità di idrogeno che ha successivamente provocato un'esplosione.

Pripyat, la città fantasma.
© REUTERS / Gleb Garanich
Gli scienziati svedesi credono invece che la causa sia stata un'altra. Hanno proposto che durante lo spegnimento pianificato del reattore siano emersi dei problemi nel sistema di controllo della reazione nucleare a seguito dei quali la quantità di neutroni termici nel nucleo è aumentata in modo significativo. Le esplosioni nucleari locali hanno portato a delle potenti emissioni di prodotti di fissione, i quali hanno sfondato i coperchi di sicurezza nella parte superiore dei canali del reattore liberandosi nell'atmosfera.

A sostegno di questa ipotesi с'è il fatto che dopo un paio di giorni dopo il disastro, gli scienziati dell'istituto Khlonin trovarono degli isotopi radioattivi di xenon nei gas nobili prodotti nella fabbrica a Cherepovets, fabbrica di liquefazione di azoto liquido e ossigeno.

Questo, secondo i ricercatori svedesi indica che sul territorio di Cherepovets sia passata una nuvola radioattiva dovuta ad un'esplosione nucleare dalla potenza di 75 tonnellate di tritolo, avvenuta alla centrale nucleare di Chernobyl.

Inoltre, i risultati del modello delle condizioni meteorologiche sulla parte occidentale dell'URSS pochi giorni dopo l'incidente hanno dimostrato che il rapporto degli isotopi osservati presso l'impianto di Cherepovets è possibile solo se lo xenon rilasciato sia salito ad un'altezza di 2,5-3 km. Una simile immagine corrisponde alle conseguenze di un'esplosione nucleare.

Correlati:

Centrale nucleare di Chernobyl: non c’è più posto per stoccare scorie radioattive
Autorità ucraine fanno luce su perdita di fumo in reattore di Chernobyl
Il Donbass potrebbe diventare più pericoloso di Chernobyl. Parte 2
Il Donbass potrebbe diventare più pericoloso di Chernobyl
Tags:
disastro, disastro nucleare, disastro, Disastro nucleare Chernobyl, Centrale di Chernobyl, Chernobyl
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook