00:27 16 Dicembre 2017
Roma+ 14°C
Mosca+ 2°C
    NATO Secretary-General Jens Stoltenberg delivers a press conference after a NATO defence ministers' meeting at the NATO headquarters in Brussels on October 27, 2016

    Segretario NATO: ancora scuse ad Erdogan per l'incidente alle esercitazioni

    © AFP 2017/ THIERRY CHARLIER
    Mondo
    URL abbreviato
    9214

    Il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, ha telefonato al presidente Erdogan, per scusarsi ancora una volta per l'incidente alle esercitazioni della NATO Trident Javelin tenutesi dall'8 al 17 novembre in Norvegia.

    Il segretario ha detto di aver adottato misure adeguate, dice il canale televisivo NTV citando una fonte dell'amministrazione di Erdogan. In precedenza, Erdogan ha detto che gli organizzatori delle esercitazioni hanno messo nei ritratti dei bersagli dei "nemici" il fondatore della Repubblica Turca Mustafa Kemal Ataturk, tra i "nemici" c'era anche l'attuale leader turco. Secondo Erdogan, il capo di Stato Maggiore turco è stato informato dell'accaduto e ha detto che ha preso la decisione di revocare i 40 militari turchi dalle esercitazioni della NATO. Le autorità turche hanno sostenuto questa decisione.

    Le scuse per questa offesa ai turchi alle esercitazioni in Norvegia hanno portato Stoltenberg e il ministro della Difesa norvegese Frank Bakke-Iensen ad esprimere rammarico, che però Erdogan ritiene insufficiente.

    Secondo le informazioni del canale, nel corso di una conversazione telefonica Stoltenberg si è detto speranzoso che l'incidente non influisca sulle relazioni della Turchia con la NATO e Erdogan ha assicurato che saranno prese misure adeguate per non far ripetere l'accaduto.

    Correlati:

    Belgrado deve garantire l'equilibrio nei rapporti tra la NATO e la CSTO
    Erdogan dipinto come "nemico", la Turchia ritira 40 soldati dalle esercitazioni NATO
    Hill: NATO consolida proprio scudo digitale
    Tags:
    Esercitazioni NATO, NATO, Recep Erdogan, Norvegia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik