00:34 16 Dicembre 2017
Roma+ 14°C
Mosca+ 2°C
    I soldati della NATO alla cerimonia dell' apertura delle esercitazioni 'Saber Strike 2015' in Lituania.

    USA: l'UE non sarà mai in grado di auto-proteggersi dalla Russia

    © AP Photo/ Mindaugas Kulbis
    Mondo
    URL abbreviato
    20017

    Gli analisti della Heritage Foundation spaventano la Lituania.

    I membri dell'intelligence americana del centro di ricerca Heritage Foundation dicono che il nuovo accordo di cooperazione nel settore della difesa, firmato dalla Lituania e altri paesi dell'EU, non porterà ad alcun beneficio pratico. L'analista della Heritage Foundation Luke Coffey ha detto ai giornalisti lituani che l'EU da tempo sta cercando di rafforzare la cooperazione nel settore della difesa.

    "È stata dichiarata come una grande notizia l'iniziativa della cooperazione permanente, la PESCO. Onestamente, questa cosa non è seria. Una strutturata permanente per la collaborazione esisteva già, grazie a un contratto costituzionale poi fallito 15 anni fa. Questa legge era in vigore dall'accordo di Lisbona già 10 anni fa. E ora solo perché manca il Regno Unito, sono riusciti a farlo" ha detto Coffey.

    Con l'accordo per una cooperazione strutturata permanente firmato a Bruxelles, si prevede di migliorare il coordinamento dell'UE nei settori della difesa e nello sviluppo dei sistemi degli armamenti. Tra i paesi dell'UE che non hanno firmato l'accordo c'è il Regno Unito e la Danimarca, che non partecipano alla politica comune per sicurezza e difesa.

    PESCO obbliga i paesi ad aumentare regolarmente i bilanci del sistema della difesa, per destinarvi il 20% dei fondi di bilancio, mentre il 2% è destinato a ricerca e tecnologia. Nel contratto si legge che i paesi forniranno un valido supporto militare alle missioni dell'EU. Secondo Coffey, l'accordo firmato da 23 paesi dell'UE dei 28, non stimolerà un ulteriore finanziamento per il sistema della difesa dei paesi dell'UE, "anche se questo potrebbe migliorare la capacità militare del blocco".

    Il vice-presidente della Heritage Foundation James J. Karafano, responsabile per la sicurezza nazionale e politica estera, ai giornalisti si è detto scettico riguardo al progetto di rafforzare la cooperazione europea nel settore della difesa, perché non è chiara la sua essenza.

    "Gli europei possono proteggersi dalla Russia? La risposta è no.

    Sogni sulla difesa e sul contenimento della Russia non si compiono senza l'intervento della NATO. Questo porterà a una politica identica in materia di sicurezza, gli europei di cosa hanno realmente bisogno? La risposta non porta a nulla" ha detto l'esperto, secondo cui l'UE, con i piani e sistemi per la sua difesa interna, riduce la possibilità di agire nel settore, se questi piani richiedono fondi stanziati dalla NATO. Ecco allora che la sicurezza in Europa trema.

    "Credo che nell'architettura della sicurezza europea non ci sia niente di male, ma non vengono fatti investimenti, se si riduce il finanziamento della NATO, sarà un grande errore, l'Europa può diventare meno sicura" ha detto l'esperto.

    I sostenitori del patto dicono che PESCO non duplicherà le funzioni della NATO,  anzi le completerà, la NATO continuerà a giocare un ruolo importante. La partecipazione a PESCO è volontaria. Entrambi gli analisti della Heritage Foundation, parlando della sicurezza in Lituania, hanno sostenuto che il centro di analisi supporta la permanenza dei militari americani nei paesi Baltici.

    "Penso ci debbano essere per vincere. Abbiamo bisogno di una potenza solida, per reagire" ha detto Coffey. Karafano ha aggiunto che Washington valuta positivamente il piano lituano per destinare alla difesa un po ' più del 2% del PIL, perché anche questo è un impegno politico preso di fronte a tutta l'alleanza. Gli USA quest'anno hanno interrotto la costante rotazione dei militari in Lituania, ma gli americani continueranno ad arrivare nel paese per partecipare alle esercitazioni militari. Nei paesi Baltici i militari americani sono stati sottoposti a rotazione dal 2014.

    Nel 2016 in Polonia è stata dispiegata una brigata di militari americani, che comprende circa 4000 soldati. Circa 1000 militari, per lo più americani, costituiscono il battaglione internazionale della NATO, che è attivo in Polonia dal 2017. Simili unità militari stazionano in Lituania, Lettonia ed Estonia. Il bilancio del sistema della Difesa della Lituania nel 2018 dovrebbe superare più del 2% del PIL. La Lituania nel 2017 ha stanziato per la Difesa 723 milioni e 800 mila euro, l'1,8% del PIL.

    Correlati:

    Afghanistan, Mosca chiede indagine su legami NATO-IS dopo reportage
    Navi NATO entrano in porto georgiano di Batumi
    Politico estone: la NATO in Estonia è solo una costosa illusione di sicurezza
    Tags:
    Russia, NATO, Lituania
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik