20:38 19 Gennaio 2018
Roma+ 14°C
Mosca-8°C
    Bombardieri strategici russi Tu-22

    L’aviazione a lungo raggio russa ha attaccato i terroristi ad Al-Bukemal

    © Foto: Ministry of defence of the Russian Federation
    Mondo
    URL abbreviato
    16350

    Sei bombardieri a lungo raggio Tu-22M3 hanno attaccato le strutture dei guerriglieri dello Stato Islamico nel distretto siriano di Al-Bukemal, comunica il Ministero della difesa.

    Gli aerei hanno colpito dei gruppi di terroristi, punti di comando e blindati. Tutti gli obiettivi sono stati colpiti.

    I bombardieri sono decollati dalla Russia attraversando l'Iran e l'Iraq. In Siria sono stati raggiunti e scortati da caccia Su-30SM decollati dall'aeroporto di Hmeymim. Tutti gli aerei sono tornati successivamente ai propri aeroporti di stanza.

    Il distretto di Al-Bukemal che si trova nella provincia di Deir ez-Zor, negli ultimi mesi è già stato sottoposto agli attacchi dell'aviazione russa.

    Il 9 novembre le truppe siriane hanno annunciato di aver riassunto il pieno controllo delle città occupate dallo Stato Islamico. Le forze governative sono riuscite a riconquistarle con l'aiuto dell'aviazione russa.

    Secondo i dati del Ministero della difesa, più del 90% del territorio siriano è stato liberato dai terroristi. Come ha sottolineato il Ministero, l'operazione militare è giunta alle fasi finali.

    A novembre la coalizione capeggiata dagli USA, che combatte lo Stato Islamico, ha annunciato che in Iraq la minaccia terroristica è stata quasi completamente eliminata.

    Correlati:

    Forze armate siriane distruggono le ultime posizioni del Daesh nei pressi di Deir ez-Zor
    USA evacuano capi Daesh prima di conquista di Mayadin
    Siria, Cremlino: dubitiamo dei dati sui russi che combattono al fianco di Daesh
    Lavrov: dopo sconfitta di Daesh saranno chiari i veri obiettivi degli USA in Siria
    Tags:
    Bombardamento, bombardamenti, Bombardamenti in Siria, Bombardamenti, Daesh, Coalizione anti-Daesh, Aviazione, Il Ministero della Difesa, Siria
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik