17:46 23 Novembre 2017
Roma+ 16°C
Mosca-4°C
    Convoglio dell'ISIS in fuga da Abu Kamal

    Siria, forze USA rinunciano a bombardare terroristi dell'ISIS in ritirata da Abu Kamal

    © Foto: Ministry of Defence of the Russian Federation
    Mondo
    URL abbreviato
    162051027

    Le forze aeree americane si sono rifiutate di bombardare i convogli dei terroristi del Daesh in ritirata dalla città di Abu Kamal dopo la liberazione delle forze governative, ha segnalato il ministero della Difesa russo.

    Nel prendere questa decisione gli americani sono partiti dal presupposto che i jihadisti "si arrenderanno e consegneranno volontariamente", pertanto rientrano nelle disposizioni della Convenzione di Ginevra sul trattamento dei prigionieri di guerra.

    Allo stesso tempo il comando militare russo si è chiesto perché i terroristi armati con armi pesanti si concentrano in una zona controllata dalla coalizione occidentale a guida americana. Gli islamisti si riunirebbero per preparare nuovi attacchi contro le truppe siriane nei pressi di Abu Kamal.

    Gli americani non sono stati in grado di dare una risposta.

    Inoltre gli aerei della coalizione americana hanno cercato di "disturbare" il lavoro dell'aviazione russa sul fronte di Abu Kamal: hanno sorvolato una zona a circa 15 chilometri dalla città. Gli Stati Uniti volevano far arretrare in sicurezza i terroristi per metterli al riparo dagli attacchi delle forze governative.

    Il ministero della Difesa russo ha aggiunto che l'offensiva dell'esercito siriano ad Abu Kamal ha mandato in fumo i piani di Washington per creare un governo indipendente da Damasco sulla sponda orientale dell'Eufrate.

    Il ruolo delle forze "filo-americane" che controllano la città doveva essere ricoperto dai terroristi dell'ISIS, "con indosso le uniformi delle Forze Democratiche Siriane". Emerge dalle bandiere trovate ad Abu Kamal ed usate dalle forze dell'opposizione.

    Il 9 novembre l'esercito siriano aveva annunciato di aver preso il pieno controllo di Abu Kamal, l'ultima roccaforte dell'ISIS in Siria. Le forze fedeli ad Assad erano riuscite a liberare la città della provincia di Deir-ez-Zor grazie al sostegno delle forze aeree russe.

    Correlati:

    Siria, Deir ez-Zor: vittime tra civili in raid della coalizione americana
    Base militare russa in Siria smentisce voci su attacchi contro soldati
    Dichiarazione congiunta di Trump e Putin sulla Siria
    “Non i militari americani, ma i russi distruggeranno ultima roccaforte dell'ISIS in Siria”
    Tags:
    Geopolitica, Terrorismo, Difesa, Sicurezza, Opposizione siriana, crisi in Siria, FOrze democratiche siriane, Esercito della Siria, ministero della Difesa della Federazione Russa, Daesh, Coalizione USA anti ISIS, Deir ez-Zor, Russia, USA, Siria
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik