15:18 25 Settembre 2018
La portaerei Ronald Reagan

In Corea del Nord arrivano tre portaerei USA

© AP Photo / Eugene Hoshiko
Mondo
URL abbreviato
6216

È apparso un video nel quale si vede una squadra d’attacco americano vicino la penisola coreana. Nel gruppo si notano tre portaerei nucleari, dei cacciatorpedinieri e incrociatori missilistici, e dei sottomarini nucleari con missili da crociera.

Vicino alla coste della Corea del Nord si sono avvicinate le portaerei Nimitz, Theodore Roosvelt la Ronald Reagan. Ognuna di esse può imbarcare fino a 90 aerei ed elicotteri. Sono scortate dagli incrociatori missilstici classe Ticonderoga e dai cacciatorpedinieri classe Arleigh Burke, armati col sistema antiaereo e antimissile Aegis. Alle esercitazioni prenderanno parte l'aviazione della marina e i bombardieri strategici B-1 Lancer, in grado di condurre attacchi nucleari. In precedenza si è comunicato dall'avvicinamento alla regione di sottomarini nucleari USA classe Virginia.

La squadra d'attacco USA condurrà delle esercitazioni con le forze militari della Corea del Sud ha comunicato Seul. Si prevede di testare la capacità di combattimento in uno scontro contro navi e sottomarini nemici, condurre lanci di missili, operazioni di salvataggio in mare e altre operazioni.

Washington e Seoul non nascondono che le manovre navali su larga scala sono un avvertimento per la Corea del Nord. In precedenza, il presidente americano Donald Trump ha chiesto alla leadership di Pyongyang "di non mettere alla prova la pazienza degli alleati, sottolineando che le forze per distruggere la Corea del Nord "sono più che sufficienti ".

Correlati:

“Molto male”: generale americano sulle prospettive USA in una guerra con Nord Corea
Consiglio Federazione valuta partecipazione di Mosca a risoluzione crisi Nord Corea
Trump dichiara di non aver parlato di Corea del Nord con Putin
Tags:
guerra, presenza militare USA, Nave USA, Egemonismo USA, Dislocazione aerei USA, Cacciatorpediniere marina USA, marina USA, esercito USA, Corea del Nord
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik