21:53 20 Novembre 2017
Roma+ 10°C
Mosca+ 2°C
    Treni che trasportano carbone fermi per il blocco dei nazionalisti ucraini

    Medvedchuk: Ucraina rischia di rimanere senza carbone a causa di sanzioni antirusse

    © REUTERS/ Konstantin Chernichkin
    Mondo
    URL abbreviato
    473142

    L’Ucraina rischia di rimanere senza carbone quest’inverno a causa alle sanzioni imposte agli esportatori russi, ritiene il leader del movimento “Scelta Ucraina, diritto del popolo” Viktor Medvedchuk.

    In precedenza il Ministro dello sviluppo economico dell'Ucraina, ha messo la società russa Juztrans, che, secondo i media ucraini uno dei più grandi fornitori di antracite in Ucraina, nella lista delle imprese a cui è vietato commerciare con le compagnie ucraine.

    "Kiev ha imposto delle sanzioni al più grande esportatore di carbone antracite dalla Russia all'Ucraina. Bloccando le esportazioni dal Donbass e imponendo sanzioni agli esportatori russi l'Ucraina rischia di rimanere senza carbone quest'inverno. Già oggi c'è un deficit di tale risorsa. Iniziamo già a sponsorizzare l'industria carbonifera USA?" ha scritto il politico su Facebook.

    Kiev a causa della guerra in Donbass ha perso accesso ai giacimenti di carbone nella regione. I giacimenti più produttivi si trovano sui territori della Repubblca Popolare di Donetsk. Le aziende controllate dall'Ucraina estraggono gas non economicamente redditizio. Dunque Kiev deve importare il carbone, le ultime consegne sono state ricevute dal Sudafrica.

    Correlati:

    Media: agli ucraini non resta che sperare nell’inverno mite e nel carbone dall’estero
    Ucraina, arrivata nave con il secondo lotto di carbone dagli Stati Uniti
    La Polonia non può bloccare tecnicamente le forniture di carbone dal Donbass
    Tags:
    Esportazione, Sanzioni, Economia, sanzioni antirusse, esportazione, Sanzioni contro la Russia, forniture carbone, Carbone, crisi energetica, Esportazioni, sanzioni, Viktor Medvedchuk, Ucraina, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik