15:35 25 Giugno 2018
Modello che raffigura la struttura di Encelado, satellite di Saturno

Un SELFI per sapere se c'è vita su un satellite di Saturno

© AP Photo / NASA/JPL-Caltech/SSI/PSI
Mondo
URL abbreviato
0 02

Per chiarire definitivamente la presenza di forme di vita su una Luna di Saturno, i ricercatori intendono inviare la sonda interplanetaria SELFI tra il 2022 e il 2025.

Su uno dei satelliti del pianeta Saturno potrebbe esserci la vita, si legge sul sito web dell'agenzia spaziale statunitense NASA.

Gli scienziati americani ritengono che nell'oceano subglaciale del satellite ghiacciato di Saturno, Encelado, potrebbe esserci la vita.

Questa ipotesi è stata fatta sulla base dei dati trasmessi dalla stazione automatica interplanetaria Cassini.

Per chiarire definitivamente questo tema, i ricercatori intendono inviare la sonda interplanetaria SELFI tra il 2022 e il 2025, che studierà la composizione chimica e la temperatura dell'oceano subglaciale di Enceladus.

Per i loro calcoli gli scienziati intendono fare affidamento sulle analisi dell'acqua che evapora attraverso le crepe nel ghiaccio di questo satellite di Saturno.

Come riferito da BakuToday, nell'ottobre 2017, i dati della sonda Cassini mostravano la presenza nell'atmosfera di Saturno di sostanze sconosciute, metano e composti chimici più complessi distribuiti lungo l'equatore di Saturno e nell'atmosfera superiore.

Correlati:

Gli scarichi umani nello spazio aiuteranno a cercare vita su Encelado
Cassini: l'asteroide ha rovesciato il satellite Encelado
Vita extraterrestre su Encelado? Scienziati russi prudenti
Tags:
Ricerca, Encelado, saturno, Ricerca scientifica, NASA, Spazio
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik