Widgets Magazine
21:10 16 Ottobre 2019
Bombardieri strategici Tupolev Tu-22M3

Siria, bombardieri strategici russi colpiscono terroristi nella provincia di Deir Ez-Zor

© Sputnik . Anton Denisov
Mondo
URL abbreviato
2320
Seguici su

Sei bombardieri Tu-22M3, decollati dal territorio russo, hanno compiuto raid contro obiettivi terroristici vicino la città di Abu-Kemal nella provincia siriana di Deir ez Zor. Lo ha riferito oggi il ministero della Difesa della Federazione Russa.

Secondo il dicastero militare, i bombardieri dell'aviazione strategica hanno sorvolato i territori di Iran ed Iraq.

Secondo il ministero della Difesa, i target dell'operazione erano fortificazioni dei jihadisti, nonché depositi con munizioni ed armi.

Come aggiunto al ministero della Difesa, la distruzione di tutti gli obiettivi assegnati è stata confermata mediante controlli oggettivi.

Durante la missione i bombardieri avevano la copertura dei caccia Su-30SM decollati dalla base di Hmeimim. Tutti gli aerei russi, dopo aver completato la missione di combattimento, sono tornati nelle basi di dislocazione permanente.

Ieri il sottomarino russo "Veliky Novgorod" aveva colpito con missili da crociera "Kalibr" lanciati dal Mediterraneo le posizioni dei terroristi del Daesh nella provincia siriana di Deir ez-Zor, aveva comunicato il ministero della Difesa russo.

Secondo quanto riferito dal dicastero militare russo, sono stati distrutti centri di comando e una zona fortificata con un gran numero di combattenti jihadisti e un deposito di armi.

Correlati:

Sottomarino russo bombarda terroristi ISIS nella provincia siriana di Deir ez-Zor
Russia: raggiunti obiettivi principali di operazione militare in Siria
Russia pianifica riduzione presenza militare in Siria
Contro chi combattete in Siria? Militari russi vogliono chiarimenti dagli americani
“Non i militari americani, ma i russi distruggeranno ultima roccaforte dell'ISIS in Siria”
Tags:
Terrorismo, Difesa, Sicurezza, raid della Russia in Siria, crisi in Siria, Daesh, ministero della Difesa della Federazione Russa, Siria, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik