17:22 03 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
728
Seguici su

Secondo la relazione finanziaria annuale, le attività di Radio Liberty, Voice of America e il canale televisivo Current Time in Russia costano al budget statunitense quasi 22 milioni di dollari.

La Commissione per la diplomazia pubblica del Dipartimento di Stato USA ha pubblicato una relazione finanziaria annuale sulle attività del Consiglio di radiodiffusione statunitense (BBG).

Secondo il documento le attività di Radio Liberty, Voice of America e il canale televisivo Current Time in Russia durante l'anno scorso sono costate al Dipartimento di Stato 21,7 milioni di dollari.

Come specifica Life, tale somma è pari al 40% di tutte le spese del BBG in Eurasia. Il programma della trasmissione in lingua russa dei servizi del BBG comprende non solo la Russia. Ad esempio, l'Ufficio Kiev di Radio Liberty trasmette anche in russo in aggiunta all'ucraino e al tataro. Inoltre, trasmette solo in russo il progetto dell'ufficio georgiano Radio Liberty: Eco del Caucaso. Di conseguenza, infatti, alle reti russe sono allocate una quantità molto maggiore rispetto a quella indicata nel rapporto BBG.

E stato reso noto in precedenza che durante l'anno delle elezioni presidenziali in Russia, tale importo sarà aumentato in modo significativo. Il comitato del Senato per gli stanziamenti ha richiesto 81,6 milioni più per il 2018 rispetto a quanto ha richiesto il BBG. Il Comitato ha espresso il suo forte sostegno agli sforzi per combattere la "disinformazione e propaganda aggressiva della Russia", in particolare attraverso lo sviluppo delle trasmissioni in russo.

Come ha riportato in precedenza Reedus, ad un anno dalle elezioni presidenziali in Russia, le spese dell'emittente tedesca Deutsche Welle sono aumentate per "contrastare la propaganda russa" di quasi 22 milioni di euro.

"In effetti, allo stato attuale l'opposizione non sistemica russa ottiene dai media statali occidentali una potente leva di influenza sul pubblico della rete, con la possibilità di trasmettere in tempo reale e in esclusiva le loro opinioni politiche in onda, senza possibilità di metterle in discussione" ha detto in precedenza il pubblicista Ilya Ukhov.

Secondo lui, l'attivazione delle trasmissioni on-line e il lancio del nuovo progetto online dai media occidentali porta al fatto che la macchina della propaganda ricade sui giovani e durante il periodo pre-elettorale più importante del paese, quando la stagione politica inizia, e tutte le parti si stanno preparando per l'inizio della campagna presidenziale.

Correlati:

Voice of America: l'Italia vuole la pace in Libia con l'aiuto della Russia
Sondaggio: quali interessi e persone rappresentano i media USA secondo gli americani
Tags:
Propaganda, Guerra mediatica, Broadcasting Board of Governors - BBG, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook