08:33 25 Novembre 2017
Roma+ 12°C
Mosca-6°C
    Raqqa

    Deputato definisce “barbarie” operazione USA per liberazione di Raqqa

    © Sputnik. Hikmet Durgun
    Mondo
    URL abbreviato
    231135202

    Il membro del comitato della Duma di Stato russa per gli affari esteri Adalbi Shkhagoshev ha definito le azioni USA durante la liberazione di Raqqa dallo Stato Islamico una barbarie politica e militare.

    Venerdì è stata annunciata la totale liberazione di Raqqa dai guerriglieri dello Stato Islamico dalla truppe democratiche siriane col sostegno della coalizione capeggiata dagli USA. Domenica il Ministro della difesa russo ha dichiarato che nei bombardamenti sono morti migliaia di civili paragonando il bombardamento di Raqqa a quello della città di Dresda nel 1945.

    "Quello che gli Stati Uniti hanno fatto a Raqqa merita di essere definita una barbarie politico-militare. Ora, alla fine dell'operazione in Siria, gli USA perseguono un solo obiettivo ottenere gli stessi risultati ottenuti in Siria dalle forze governative siriane e l'aviazione russa" ha spiegato Shkhagoshev ai giornalisti.

    Il parlamentare ha aggiunto che le "dichiarazioni vittoriose dell'amministrazione statunitense non suscitano altro che ulteriore indignazione".

    "L'operazione militare in Siria è vicina alla fine, più del 90% del territorio della repubblica è controllato dal governo di Assad." Possiamo dire che le nostre forze utilizzano i migliori strumenti per sterminare lo Stato Islamico che ci permettono di misurare ogni passo, mentre gli Stati Uniti e la coalizione fanno queste cose, questo è incomprensibile" ha concluso Shkhagoshev.

    Correlati:

    “USA vogliono far diventare Raqqa la capitale della Siria non controllata da Assad”
    Fondi stanziati da coalizione occidentale a Raqqa creano sospetti in Russia
    Le combattenti curde che hanno liberato Raqqa
    Tags:
    Guerra, Civili, Morti, Guerra, Guerra al Daesh, Stato Islamico, Coalizione anti-Daesh, Duma, Siria
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik