09:41 10 Luglio 2020
Mondo
URL abbreviato
8241
Seguici su

Il ministero della Difesa russo è turbato dalle dichiarazioni di Francia, Germania e Stati Uniti, che hanno deciso di stanziare in tutta fretta fondi per Raqqa dopo che in passato avevano ripetutamente rinunciato ad inviare aiuti umanitari agli abitanti siriani, ha dichiarato oggi il portavoce del dicastero militare russo Igor Konashenkov.

"Raqqa non ha fatto in tempo a raffreddarsi dopo la pioggia di fuoco della coalizione internazionale, che da Washington, Parigi e Berlino sono arrivate dichiarazioni sul rapido stanziamento di fondi per decine di milioni di dollari ed euro. Questi soldi sarebbero destinati apparentemente per ripristinare la vita civile in città. E' da elogiare questo tipo di reazione. Ma ci sono interrogativi", — ha detto Konashenkov.

"Da dove arriva tutta questa fretta?", si domanda il portavoce del dicastero militare russo. Secondo Konashenkov, la spiegazione qui è una: "il desiderio di coprire rapidamente le tracce dei bombardamenti barbarici dell'aviazione statunitense."

Per il rappresentante militare russo, per certi versi Raqqa ha ereditato la sorte di Dresda nel 1945, rasa al suolo dai bombardamenti anglo-americani con le forze tedesche ormai in rotta.

"Deir ez-Zor riceve ogni giorno migliaia di persone che vogliono tornare nelle loro case", — ha concluso il rappresentante del ministero della Difesa russo. 

Correlati:

Tutto dipende dal Cremlino: USA vorrebbero collaborare con Russia su Siria e Nord Corea
Le combattenti curde che hanno liberato Raqqa
NBC: USA non hanno un piano d'azione in Siria dopo la liberazione di Raqqa
Le rovine dell'ex "capitale" Daesh Raqqa
Diplomazia russa: errori USA hanno portato a catastrofe umanitaria a Raqqa
Tags:
generale Igor Konashenkov, Terrorismo, Geopolitica, Finanze, Politica Internazionale, Occidente, crisi in Siria, Daesh, ministero della Difesa della Federazione Russa, Coalizione USA anti ISIS, Raqqa, Germania, Siria, Francia, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook